NewsTecnologia

Vodafone, aumenti fino a 1,99 euro a partire da oggi per alcuni utenti mobile

E’ la quarta piccola stangata nel giro di pochi mesi quella che si abbatterà su alcuni utenti Vodafone a partire da oggi. La rimodulazione è prevista per alcune offerte di rete mobile sottoscritte da utenti privati su SIM ricaricabile. Tutti gli utenti interessati sono stati informati attraverso un SMS sul numero di telefono interessato con una campagna informativa avviata a fine giugno. Ulteriori informazioni possono essere lette sul portale Vodafone Informa che contiene la comunicazione ufficiale.

L’aumento tocca ad alcune tariffe ricaricabili via SIM, a quanto pare non necessariamente vecchie offerte ma anche offerte sottoscritte l’anno scorso. Su alcuni numeri il ricarico sarà di 0,49€, su altri di 0,99€, mentre i più sfortunati vedranno un aumento di 1,99€. Le tariffe verranno modificate a partire da oggi, 26 luglio 2021, mentre gli utenti che – in seguito alla ricezione dell’avviso – hanno chiamato il numero 42590 hanno avuto accesso a diversi bonus, come Giga aggiuntivi in regalo per la durata di dodici mesi.

Vodafone, rincari fino a quasi 2€ al mese

Non è di certo la prima rimodulazione di Vodafone, questa, e probabilmente non sarà l’ultima. Da inizio 2021 è, anzi, la quarta: la prima era stata annunciata a febbraio per fine marzo, la seconda ad aprile per fine maggio, la terza a maggio per la seconda metà di giugno, e adesso a giugno arriva l’ennesima stangata prevista per la fine del mese di luglio. Ecco il messaggio che Vodafone ha pubblicato sul proprio sito:

Modifica delle condizioni contrattuali per i clienti privati ricaricabili dal 26 luglio 2021

Vodafone investe costantemente nel miglioramento della propria rete mobile, con l’obiettivo di soddisfare la crescente esigenza di connessione nel Paese e per offrire ai clienti un servizio sempre più performante, ovunque. A partire dal 26 luglio 2021 il costo di alcune offerte per i clienti privati ricaricabili aumenterà di 0.49, 0.99, 1.99 euro al mese in base alle condizioni dell’attuale offerta del cliente.

Entro il 25 giugno, i clienti interessati dalla modifica ne riceveranno la comunicazione via sms con l’indicazione dell’aumento relativo alla loro offerta e avranno la possibilità di attivare giga aggiuntivi in regalo per 12 mesi chiamando il 42590 a partire dal 25/06 fino al 25/07.

Se non la accetteranno, ai sensi dell’art. 70 comma 4 del Decreto legislativo 1° agosto 2003 n. 259, della Delibera 519/15/CONS e delle Condizioni Generali di Contratto, potranno recedere dal contratto o passare ad altro operatore mantenendo il loro numero senza penali né costi di disattivazione entro il 25 luglio specificando come causale del recesso “modifica delle condizioni contrattuali”.

Potranno esercitare il diritto di recesso, senza costi aggiuntivi diversi da quelli eventualmente legati al metodo scelto, su voda.it/disdetta, nei nostri negozi, inviando una raccomandata A/R a Servizio Clienti Vodafone, casella postale 190 – 10015 Ivrea (TO), scrivendo via PEC a disdette@vodafone.pec.it o chiamando il 190, specificando la causale sopraindicata. Le eventuali rate residue del costo di attivazione e/o del/i dispositivo/i associato/i a tale offerta verranno pagate con la stessa cadenza e con lo stesso metodo di pagamento precedentemente indicati, in alternativa comunicandolo nella richiesta di recesso potranno richiedere il pagamento in un’unica soluzione.

In alternativa, i clienti che ne riceveranno indicazione nell’sms potranno scegliere un’ulteriore offerta dedicata a loro. Per dettagli e attivazione chiamare il 42590 a partire dal 25/06 fino al 25/07.

Al solito il motivo della rimodulazione è legato alla necessità da parte dell’operatore di investire sullo sviluppo nella propria rete mobile. Una motivazione che l’azienda ha posto in essere più volte nel corso degli ultimi anni e che ripetutamente continua a riproporre in modo unilaterale alla modifica del contratto stipulato con i suoi utenti. I clienti possono comunque rispondere alla modifica del contratto recedendo dallo stesso, attivando altre offerte tariffarie in commercio o anche offerte tariffarie dedicate in modo specifico senza costi aggiuntivi di attivazione. Nelle settimane scorse, come detto, gli utenti hanno avuto la possibilità di recedere dal contratto o passare ad altro operatore senza costi ulteriori.