NewsTecnologia

Viaggi verso gli USA: i richiedenti visto dovranno fornire gli account social

Il Dipartimento di Stato USA sta avanzando una proposta secondo la quale tutti i richiedenti visto per gli Stati Uniti d’America (sia di tipo immigrant, sia di tipo non-immigrant) comunichino i loro profili social media alle autorità. La proposta risulta decisamente più ampia rispetto alla precedente impostazione, che rendeva la comunicazione dei profili social solamente su base volontaria e applicata solo ad una parte dei richiedenti visto che venivano selezionati per un’ispezione più approfondita.

La nuova impostazione, per il quale è già stato ideato un apposito modulo, elenca specifiche piattaforme social media e richiede l’inserimento di qualsiasi “identificatore usato dai richiedenti per queste piattaforme durante i cinque anni che precedono la data di richiesta di visto”.

Secondo le stime, circa 15 milioni di richiedenti visto potrebbero essere toccati da questa misura. La proposta viene depositata oggi nel Registro Federale e il pubblico avrà 60 giorni di tempo per avanzare ogni sorta di commento, osservazione o critica. La nuova proposta è solo l’ultimo tassello di un quadro d’azione più ampio che ha lo scopo di raccogliere più informazioni sulle attività social media di coloro i quali entrano negli Stati Uniti.

E’ possibile che solamente alcuni tipi di visto diplomatico o ufficiale possano essere esentati dalla misura. Stando alle informazioni disponibili, inoltre, la nuova impostazione non dovrebbe essere applicata ai viaggiatori che rientrano nel programma Visa Wiver Program, per viaggi di lavoro o turismo al di sotto dei 90 giorni.