NewsTecnologia

Un nuovo dispositivo potrebbe rivoluzionare per sempre il baseball MLB

Il baseball per gli americani è molto di più di un semplice sport: è qualcosa di assolutamente sacro. Ciclicamente il “National Pastime” viene messo in discussione da qualche scandalo o episodio sgradevole. Nel 2020 la Major League Baseball è stata travolta dallo scandalo dei segnali rubati durante le World Series del 2017. Gli Houston Astros, infatti, per vincere il titolo avevano utilizzato dei metodi “poco ortodossi” per mettere in difficoltà la line-up dei lanciatori dei favoritissimi Los Angeles Dodgers. Traduzione: la batteria degli slugger (battitori) degli Astros conosceva perfettamente il tipo di lancio che i pitcher dei Dodgers avrebbero effettuato. Prima di ogni lancio, infatti, il catcher e il pitcher si accordano sul tipo di lancio da effettuare: solitamente il ricevitore che si trova a casa base manda una serie di segnali (con le dita) che il lanciatore deve decifrare. Una fastball o una palla curva richiedono al battitore un giro di mazza e una postura diversa: conoscere in anticipo il tipo di lancio che sta per arrivare equivale a battere una valida o un home run e, soprattutto, a falsare il risultato di una partita.  

Un normalissimo cestino dei rifiuti usato per comunicare il tipo di lancio al battitore

Il problema dei segnali rubati è piuttosto comune nel baseball. Per rubare i segnali gli Astros avevano architettato un sistema ingegnoso: avevano posizionato in tribuna un membro del loro staff in modo da riprendere il lancio con una telecamera nascosta. Le immagini venivano inviate agli scout degli Astros che comunicavano i segnali rubati al bullpen (la panchina) dove gli allenatori avvisavano i propri giocatori con una serie di colpi inferti a un normalissimo cestino dei rifiuti. Come ha riportato il sito sportivo americano ESPN, la Major League Baseball sta correndo ai ripari per evitare che qualche altro manager riesca a utilizzare un Apple Watch (un altro caso recente…) o una videocamera in modo altrettanto fantasioso. Il prossimo 3 agosto, infatti, verrà provata una nuova tecnologia che consentirà ai catcher di comunicare elettronicamente al proprio lanciatore senza utilizzare l’abituale combinazione di dita. Questa innovazione verrà testata in una delle leghe minori della MLB (la “Low-A West”, per la precisione): il sistema è stato progettato per accelerare il ritmo di gioco e ridurre i tempi morti e, soprattutto, per porre un freno alla pratica dei segnali rubati (soprattutto in seconda base).

Il PitchCom utilizza la tecnologia a conduzione ossea

Questo dispositivo di comunicazione tra pitcher e catcher è stato sviluppato da una start up chiamata PitchCom. Il sistema è composto da un trasmettitore da polso con nove pulsanti che viene indossato dal catcher per segnalare “altezza e posizione desiderate” della palla da lanciare. Viene così inviato un segnale crittografato a due ricevitori: il primo è posizionato nel berretto del lanciatore, il secondo nell’imbottitura del casco del catcher. Il sistema è preprogrammato con una serie di tracce audio in inglese e spagnolo, e ogni squadra potrà registrare le proprie. I segnali vengono trasmessi dal trasmettitore a entrambi i ricevitori utilizzando un canale di comunicazione crittografato che utilizza la conduzione ossea, una speciale tecnologia che permette al suono di propagarsi attraverso le ossa (in questo caso del cranio) per raggiungere la parte più interna dell’udito. Il sistema sviluppato dalla start up PitchCom utilizza un algoritmo di crittografia di livello industriale e trasmette digitalmente pochissimi dati, rendendo matematicamente impossibile per qualcuno decrittare le trasmissioni intercettate. Il sistema brevettato da PitchCom è stato presentato in anteprima agli arbitri della MLB lo scorso ottobre ed è stato provato con alcune squadre durante l’abituale spring training. Finora il feedback ottenuto da giocatori, allenatori e personale del front office è stato estremamente positivo. Non resta che aspettare il debutto ufficiale nelle Minor League: appuntamento al prossimo 3 agosto.