NewsTecnologia

Tutti i Samsung Galaxy S10 avranno un sensore d’impronte sotto vetro

Con il rilascio di Galaxy Note 9 Samsung si dimostra ancora una volta sul pezzo, portando avanti la sua lotta contro il notch. A prescindere dalle prese di posizione in fatto di design, comunque, lo smartphone è stato accolto favorevolmente dalla critica, e anche noi (attualmente lo abbiamo in prova) non possiamo che annoverarlo fra i migliori dispositivi di questo 2018. Fra le critiche che si possono muovere al terminale ci sono i tanti sistemi di autenticazione, e nessuno senza difetti.

Il sensore d’impronte è disposto in una posizione fin troppo elevata sul retro e non è semplice da raggiungere. Le modalità di riconoscimento del volto e la scansione dell’iride inoltre non sono comodissime: la prima funziona bene solo in determinate circostanze, l’altra richiede che lo schermo sia rivolto perfettamente di fronte al viso dell’utente. La soluzione potrebbe arrivare con la prossima generazione di dispositivi Samsung, che disporranno di un sensore d’impronte sotto vetro.

A dirlo è un nuovo report di The Investor, con la tecnologia che appare ad oggi l’unica soluzione percorribile se si vuole il buon vecchio sensore sulla parte frontale del terminale. Secondo quanto ha riportato una fonte rimasta anonima, i due Galaxy S top di gamma utilizzeranno un sistema in-screen a ultrasuoni per scansionare le impronte dell’utente, mentre un terzo dispositivo più economico utilizzerà una tecnologia ottica disposta sotto lo schermo.

Tutti i nuovi smartphone della famiglia Galaxy S di prossima generazione verranno annunciati approssimativamente nel mese di febbraio prossimo, durante il Mobile World Congress 2019.