NewsTecnologia

SpaceX Starship Hopper: il prototipo è in fase di test

No, non è un’astronave di qualche serie TV degli anni ’70 o qualche fumetto di quel periodo. Si tratta effettivamente dei primi test per l’assemblaggio di SpaceX Starship (in configurazione Hopper) che stanno venendo condotti in Texas da parte della società di Elon Musk. Lo stesso Musk ha rilasciato solo qualche tempo fa un’immagine rappresentativa di come verrà una volta completato (mancano comunque alcuni dettagli per la versione definitiva) e successivamente un’immagine del lavoro completato, che potete vedere poco sotto.

Le immagini e il video sono stati caricati su Twitter da Evelyn Janeidy Arevalo e mostrano le fasi iniziali di test per quanto riguarda il giusto dimensionamento delle varie parti di SpaceX Starship Hopper. Si può comunque notare il sistema di atterraggio di tipo verticale così come il sezionamento in due parti del corpo principale.

SpaceX Starship Hopper

Ricordiamo che tecnicamente ci sono due parti che compongono il progetto. Quello che si vede qui è proprio SpaceX Starship (versione Hopper) mentre Falcon Super Heavy è la parte propulsiva per “sfuggire” alla gravità terrestre e per spingere lo stadio superiore fino a Marte (in ottica futura). Secondo quanto riportato sarà possibile portare 100 tonnellate di carico utile o fino a 100 persone permettendo così di realizzare missioni attualmente impensabili.

SpaceX Starship

Ma oltre a SpaceX Starship, la società statunitense sta continuando anche i test per altri progetti. Per esempio, proprio recentemente, è stato effettuato un nuovo test di recupero dei fairing con Mr. Steven (la nave con la rete) che è arrivata veramente a pochissimo dal recuperare letteralmente “al volo” il componente sganciato da un elicottero. Ma è veramente necessario organizzare una missione per un componente del genere? Sì, perché un fairing ha un costo di circa 6 milioni di dollari, tutti soldi che potrebbero essere recuperati abbattendo i costi delle missioni.

Proprio nella giornata odierna è stato lanciato un Falcon 9 che ha permesso così di completare la costellazione di satelliti Iridium NEXT. Il lancio è andato come previsto e c’è stato anche il rientro del primo stadio sulla chiatta-drone Just Read the Instructions come visto in altre occasioni. Anche il fairing, di cui abbiamo scritto poco sopra, è stato recuperato correttamente.