NewsTecnologia

SpaceX Starlink: i satelliti in orbita polare comunicano via laser

Durante la missione Transporter-1 sono stati immessi in orbita 143 satelliti di piccole dimensioni per vari scopi. Tra questi erano presenti anche dieci satelliti SpaceX Starlink che sono stati posizionati in orbita polare permettendo così di coprire zone difficilmente raggiungibili con altre tecnologie. Rispetto ad altre unità simili però, questi ultimi possono comunicare via laser, come dichiarato dallo stesso Elon Musk.

spacex starlink

SpaceX Starlink con collegamenti laser

La scelta di utilizzare una comunicazione satellite-satellite via laser è stata necessaria per evitare di avere in zone remote delle postazioni di terra. Lo stesso Musk ha scritto “questi [ndr. Starlink] hanno anche collegamenti laser tra i satelliti, quindi non sono necessarie stazioni di terra ai poli”. Questa scelta permette di ottimizzare i costi e ha anche un minore impatto sull’ambiente naturale delle zone polari. Inoltre, ottimizzando la connessione, si potranno ottenere vantaggi in termini di latenza.

spacex

I satelliti sono stati posizionati a un’altitudine di circa 560 km e permettono di coprire le zone dell’Alaska, per esempio, o del Canada. In futuro però questo genere di connessione satellite-satellite per SpaceX Starlink diventerà sempre più comune.

Anche in questo caso è stato Musk a rendere nota questa notizia con un tweet nel quale ha scritto “tutti i satelliti lanciati il prossimo anno avranno collegamenti laser. Solo i nostri satelliti polari quest’anno hanno laser e sono la versione 0.9”.

Rispetto ad altre zone degli USA, le zone polari potrebbero essere quelle a trarre maggiore vantaggio da soluzioni come SpaceX Starlink dove attualmente la comunicazione satellitare potrebbe essere costosa e poco efficiente per la mancanza di concorrenza. Grazie a SpaceX, OneWeb ed altre realtà però i costi dovrebbero scendere mentre aumenterà la qualità generale del segnale.

Uno dei problemi da risolvere (che sarà affrontato in questi mesi) è la produzione di un gran numero di laser in grado di funzionare nello Spazio. Questo è probabilmente uno dei motivi per i quali attualmente sono impiegati sono su pochi SpaceX Starlink e dove è stato necessario inserirli. In futuro (nel 2022), migliorando la produzione, questa tecnologia sarà più semplice da produrre e gestire.

Seguici sul nostro canale Instagram, tante novità in arrivo!