NewsTecnologia

Sony Playstation 5: nuove specifiche indicano una GPU sino a 2 GHz

L’anno 2020 sarà quello di debutto della prossima generazione di console Sony e Microsoft: Playstation 5 per la prima e Project Scarlett, ma avremo sicuramente un nome ufficiale della famiglia Xbox, per la seconda. Entrambe integreranno un SSD per lo storage e saranno basate, come avvenuto per i modelli che le hanno precedute, un SoC incentrato su tecnologie e architetture dell’americana AMD.

Sono emerse alcune indiscrezioni sulle possibili specifiche tecniche della console Playstation 5, attesa al debutto nell’anno 2020 con la data del 12 febbraio che è emersa recentemente per quanto non confermata ufficialmente da Sony. Il SoC integrato in questa console utilizzerà componente CPU basata su architettura Zen 2, affiancata da una GPU della famiglia Navi.

L’indiscrezione più recente, pubblicata su Twitter dall’utente Komachi, indica la presenza di engineering sample di questa console che avrebbero GPU Navi con una frequenza di clock di ben 2 GHz. Si tratterebbe della versione di Console indicata con il nome di Gen 2, per la quale non è però noto il quantitativo di Compute Unit integrate nella GPU e attive. A prescindere una frequenza di clock di 2 GHz è superiore a quelle alle quali operano le schede AMD Radeon RX 5700XT e Radeon RX 5700 basate su architettura Navi.

Senza conoscere il numero di compute units integrate non è possibile ricavare qualche stima sulla potenza di calcolo massima teorica di questo chip, alla luce della sola frequenza di clock. Di certo un dato di 2 GHz è molto elevato e lascia immaginare per PlayStation 5 la capacità di gestire flussi video con i giochi anche alla risoluzione di 4K. Un valore così elevato come quello di 2 GHz di clock ci pare essere al momento attuale poco alla portata dell’architettura Navi, pensando sia alle necessità di dissipazione termica tipiche di una console moderna sia ai valori delle schede PC desktop che utilizzano GPU Navi. Ma non è detto che i 2 GHz siano un valore di picco ottenuto via turbo boost, con un dato di clock medio durante la sessione di gioco che è invece inferiore, variabile a seconda delle condizioni termiche del momento. Questa ci sembra una lettura molto più bilanciata, sulla carta, dei 2 GHz riportati dalla indiscrezione online.

Vedremo sicuramente maggiori indiscrezioni emergere online con l’avvicinarsi della data di lancio di Playstation 5, oltre che ovviamente della prossima generazione di console Xbox indicata al momento attuale con il nome di Project Scarlett.