Rivoluzione Apple: potrebbe vendere i futuri iPhone e altri device tramite abbonamento

Apple potrebbe vendere i suoi iPhone e iPad come parte di un servizio di abbonamento. Sarebbe questa la novità trapelata da un nuovo report proveniente da Bloomberg tramite il solito Mark Gurman che scrive appunto del possibile radicale cambiamento per l’azienda di Cupertino. Una mossa, quella di Apple, che si adatterebbe alla continua spinta di Apple verso i servizi in abbonamento che da qualche anno ormai ha introdotto sul mercato per i suoi utenti.

Apple: nei nuovi abbonamenti anche iPhone e iPad

Abbiamo visto come l’azienda di Tim Cook ha sempre più enfatizzato gli abbonamenti ricorrenti come Apple Music, Apple TV+ ma anche Apple News+, Apple Fitness+ e ancora Apple Arcade strutturandoli come nuovi flussi di entrate chiave per l’azienda. Molti di questi servizi sono stati raggruppati insieme del famoso bundle di Apple One che la stessa azienda propone agli utenti da qualche tempo.

Avevamo già visto un cambiamento simile da parte di Apple anche se solamente negli USA ma proprio sul fronte dell’hardware. In questo caso l’abbonamento mensile riguardava le garanzie estese di Apple Care. Apple consentiva il suo programma di aggiornamento dell’iPhone permettendo agli utenti di pagare un costo combinato di Apple Care e un iPhone per 24 mesi con la possibilità di permutare il device dopo 12 mesi.

Il nuovo abbonamento in arrivo potrebbe andare oltre a tutto questo, permettendo di ottenere con lo stesso sistema non solo l’iPhone ma anche l’iPad o addirittura altri dispositivi. Quello che chiaramente resta da vedere è se effettivamente questa volta Apple opterà per la vendita in abbonamento solo per i suoi clienti USA o se invece la formula potrebbe estenderla anche oltre i confini americani proponendoli anche qui da noi in Italia.

Un modo, secondo Gurman, che potrebbe effettivamente dare un ancora maggiore boost alle future vendite dei prodotti Apple, garantendo agli utenti un cambio di iPhone o iPad o altri device ogni 12 mesi. E ci si chiede se l’abbonamento potrà essere esteso anche per un solo mese o se magari invece ci saranno vincoli di almeno 12 mesi. Molti intendono questa scelta anche come strada per eliminare gli intermediari ed espandere le offerte di pagamento rateale anche ad altri prodotti oltre i classici servizi.