Quando sarà possibile giocare Baldur’s Gate III su PC? Ecco gli orari di sblocco

Sviluppato dalla belga Larian Studios, Baldur’s Gate III è sicuramente uno dei giochi più attesi dell’anno, proponendo un immenso mondo di gioco personalizzabile e un livello di sfida congeniale per i veterani di giochi di ruolo. Tra gli altri contenuti, Baldur’s Gate III contemplerà circa 170 ore di filmati, i quali peraltro differiranno sulla base di come il giocatore ha modificato esteticamente il proprio personaggio. Con 170 ore si riferisce al numero complessivo di filmati presenti in Baldur’s Gate III, ma ciascuna run comprenderà un numero inferiore di ore.

Per ciascuna run, infatti, si prevedono centinaia di ore di gioco ma non è tutto perché Larian ha operato per garantire un elevato fattore di rigiocabilità, proprio in considerazione delle possibilità di scelta e personalizzazione. Basandosi su Dungeons & Dragons 5a Edizione, la software house che ha già realizzato Divinity: Original Sin punta a sfornare un’opera epica che possa degnamente raccogliere il testimone che è stato dei precedenti Baldur’s Gate. La qualità della produzione, peraltro, è attestata da chi ha potuto provare il gioco in versione Accesso Anticipato su Steam, disponibile già dal 2020.

Baldur's Gate III

Tuttavia, i salvataggi tra le due versioni non sono compatibili, perché la release definitiva di Baldur’s Gate III è completamente differente rispetto alla precedente. Quindi, non resta che ricominciare. Segnaliamo, inoltre, che, perlomeno al lancio, non sarà disponibile la lingua italiana, ma solo inglese sia per testi che per voci.

La versione PC di Baldur’s Gate III uscirà il 3 agosto, mentre per quella PS5 (che girerà a 60 fps) bisognerà aspettare un po’ di più, fino a settembre. Ecco tutti gli orari di sblocco di Baldur’s Gate III, dove per l’Italia ovviamente va guardato il CEST:

  • 3 agosto, ore 8:00 PT
  • 3 agosto, 9am CT
  • 3 agosto, 11am ET
  • 3 agosto, ore 16:00 BST
  • 3 agosto, 17:00 CEST
  • 3 agosto, 20:30 IST
  • 3 agosto, 23:00 CST
  • 4 agosto, 12:00 KST/JST
  • 4 agosto, 1am AEST
  • 4 agosto, 3am NZST

Fra i tantissimi contenuti presenti in Baldur’s Gate III, ci saranno anche delle scene di sesso, che Larian ha già confermato essere state girate da attori professionisti con tecnologia di motion capture. A proposito, nelle passate settimane ha generato controversie la presentazione “Panel from Hell”, dove gli sviluppatori hanno mostrato proprio alcune delle situazioni sentimentali che saranno presenti nel gioco. Ha destato scalpore, in particolare, una sequenza in cui un Druido, in un contesto amoroso con un altro personaggio, si trasformava in orso. Poi la sequenza è stata interrotta con la laconica scritta Not safe for stream” che ha lasciato intuire cosa avveniva dopo.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Larian ha anche detto che dopo Baldur’s Gate III tornerà ad occuparsi di Divinity e che anzi prevede di mettersi al lavoro su Divinity: Original Sin 3 nel momento in cui Baldur’s Gate III supererà la finestra di lancio.

Baldur’s Gate 3 sarà ancora una volta ambientato nei Forgotten Realms e si baserà su una storia di amicizia e di tradimento, sacrificio e sopravvivenza. Il filmato cinematografico mostra ancora una volta gli Illithid, altresì noti come Mind Flayer. La nuova storia sarà ambientata nell’era di Forgotten Realms e, come suggerito dai produttori, potrebbe esplorare altri piani del multiverso di Dungeons & Dragons. Il gioco sarà basato su un’interpretazione di Larian del ruleset della quinta edizione di D&D.

Baldur's Gate 3

Non mancherà un’approfondita componente di personalizzazione del personaggio. Si può giocare con telecamera alle spalle del personaggio o dalla prospettiva isometrica tipica degli rpg old-school ma, come detto, con un livello di dettaglio notevole, con personaggi mostrati nei minimi particolari e la possibilità di scorgere le loro emozioni durante i dialoghi.

Il sistema di combattimento è a turni, regolato dal lancio dei dadi per determinare la probabilità che un colpo vada a segno. Il rapporto con gli elementi ambientali ricorda i giochi della serie Divinity: Original Sin, realizzata dalla stessa Larian. Come in questi ultimi, infatti, si possono sfruttare oggetti dello scenario per arrecare danni: per esempio, usare un incantesimo a base di fuoco su una pozzanghera per generare vapore acqueo. Si possono spostare certi oggetti degli ambienti e attivare la modalità a turni anche durante l’esplorazione, in modo da cogliere impreparati i nemici.