POS olografici e in cloud, checkout biometrici: le novità di Mastecard per i pagamenti digitali

La pandemia ha contribuito ad accelerare, anche in Italia, il fenomeno del digital shift, cioè la tendenza delle aziende a puntare sul digitale per il proprio business. Sono soprattutto le realtà di medie e grandi dimensioni ad aver investito maggiormente sulla digitalizzazione, così come gli esercenti. Sono alcuni dei risultati emersi dalla ricerca “Together Towards Tomorrow: sfide e opportunità della digitalizzazione per i business”, realizzata da Mastercard in collaborazione con Astraricerche, che sottolinea anche un aspetto non scontato: il digital shift interessa l’intera penisola e si distingue positivamente il Sud Italia (64%), che supera Nord Est (43%), Centro (49%) e Nord Ovest (54%). Questo per quanto riguarda le aziende, mentre se si prendono in esame gli esercenti, Nord Ovest e Sud si eguagliano (40% vs 39%) a seguire Nord Est (33%) e Centro (29%).

carta%20di%20credito

Fra i fattori trainanti del processo di digitalizzazione l’e-commerce, considerato dal 76% del campione come “particolarmente rilevante per il proprio business“. Più di tre aziende su 10 (il 37,5%), infatti, si sono affidati a piattaforme online proprietarie o di terze parti per vendere prodotti e servizi.

Le aziende utilizzano prevalentemente carte di pagamento, ma i negozianti sono ancora legati al contante

Le carte di credito e di debito sono sempre più utilizzate, soprattutto in ambito aziendale, dove superano il contante. Al contrario, il 74% degli esercenti utilizza ancora il contante. Chi utilizza i contanti sottolinea la percezione di gratuità, la diffusione (sono accettati da tutti) e la sensazione di sicurezza, mentre le carte sono apprezzate per questioni di igiene, in particolare quelle contactless. Un tema che si è rivelato fondamentale a seguito della pandemia.

In Italia si nota anche un’accelerazione dei pagamenti tramite smartphone, utilizzati dal 44.3% degli esercenti e dal 22.3% delle imprese, ma dalla ricerca emerge che sono considerati poco diffusi e non molto sicuri, pur apprezzati per la comodità e l’igiene. 

Questi dati sono stati rilevati a maggio 2022 e sono basati su un campione di 806 responsabili aziendali e di esercizi commerciali. 

Le novità di Mastercard per i pagamenti digitali 

La crescente diffusione dei pagamenti digitali non può che spingere gli operatori del settore a potenziare le loro soluzioni e a offrirne di nuove e, in occasione di Mastercard Innovation Forum 2022, la multinazionale americana ha mostrato le sue nuove tecnologie per semplificare, velocizzare e rendere più sicuri gli scambi digitali di denaro.

Abbiamo già parlato in passato di Click to Pay: è una soluzione per semplificare i pagamenti online, rendendoli più snelli e sicuri. Riconosce l’utente al momento del checkout e utilizza i dati di pagamento che sono conservati in maniera sicura nel proprio profilo Click to Pay. Il vantaggio è che non è necessario registrare nuovi account o ricordare password: basta un clic per utilizzarla, tutto a vantaggio della customer experience. 

Biometric Checkout

Per semplificare i pagamenti in negozio, invece, Mastercard ha introdotto Biometric Checkout, un programma che permette a negozianti, gateway di pagamento, prestatori di servizi di pagamento, issuer e provider di wallet a collaborare con i fornitori di servizi biometrici così da consentire ai consumatori di un’esperienza totalmente contactless, che non richiede nemmeno di dover utilizzare la propria carta di credito/debito o dispositivi come smartphone e indossabili abilitati NFC. 

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Inedita invece la soluzione Cloud POS, evoluzione del servizio Tap on Phone che permette alle imprese di ricevere pagamenti da ogni carta contactless o mobile wallet direttamente da un dispositivo abilitato ai pagamenti NFC.

Holographic POS, anticipata nel 2019, fa leva su display olografici dotati di sensori per semplificare e rendere più igienici i pagamenti: i consumatori scannerizzano i prodotti nel loro carrello e selezionano il loro metodo di pagamento, confermando la transazione sullo schermo “sospeso” proiettato dal touchscreen virtuale, senza dover toccare fisicamente il totem o il POS fisico.