NewsTecnologia

Nvidia: GeForce RTX 2080 20GB e RTX 3070 16GB arrivano a dicembre?

È sempre più chiaro, in base alle indiscrezioni delle ultime settimane, che il trio di schede video GeForce RTX 3000 annunciato nelle scorse settimane non resterà l’unica novità di Nvidia per l’anno in corso: non solo ci si attende una GeForce RTX 3060 Ti, ma nelle scorse settimane si è vociferato di due altre soluzioni, una variante della RTX 3080 con 20 GB di memoria e una RTX 3070 con 16 GB di memoria (il modello annunciato, con 8 GB, è atteso per il 29 ottobre).

Queste due proposte dovrebbero, secondo le soffiate giunte a Videocardz, debuttare nel mese di dicembre. Con AMD attesa alla presentazione delle Radeon RX 6000 il 28 ottobre, in vista di un approdo sul mercato intorno alla metà di novembre, il possibile arrivo a dicembre di modelli con maggiore memoria da parte di Nvidia è un’ipotesi concreta.

“Secondo le informazioni che abbiamo ottenuto questa settimana, AMD presenterà tre modelli di schede basate su GPU Navi 21 con 16 GB di memoria”, scrive Videocardz per motivare la scelta di Nvidia di creare schede con più VRAM. Il sito aggiunge inoltre che la GeForce RTX 3060 Ti, prevista inizialmente per fine ottobre, sarebbe slittata a metà novembre in conseguenza dello spostamento della data di uscita della RTX 3070.

Infine, Nvidia avrebbe accantonato l’idea di portare sul mercato una GeForce RTX 3070 Ti con 6144 CUDA core, forse a causa di rese non del tutto soddisfacenti di GPU GA104 completamente abilitate, rimandando probabilmente un modello con tali caratteristiche al futuro, quando l’azienda ripeterà l’operazione “SUPER” di aggiornamento della gamma varata per la prima volta lo scorso anno.

Ovviamente sottolineiamo che quando si parla di “debutto” e “arrivo sul mercato”, il discorso non chiama in causa l’effettiva disponibilità dei prodotti: sappiamo, per ammissione della stessa Nvidia, che acquistare una GeForce RTX 3000 sarà complicato per tutto l’anno a causa di una domanda ben al di sopra delle attese, e le nuove proposte non dovrebbero sfuggire a questa dinamica.