NewsTecnologia

NVIDIA A100 ora anche in formato PCI Express con 80GB di memoria

Da documentazione tecnica NVIDIA trapela l’esistenza di una nuova versione di scheda video A100, proposta top di gamma destinata all’utilizzo nei datacenter e non di certo nei sistemi dei videogiocatori. Si tratta della scheda di vertice della famiglia di GPU Ampere, basata su GPU caratterizzata da una superficie di ben 826 millimetri quadrati e dotata al proprio interno di 6.912 CUDA cores.

Questa scheda ha la particolarità di essere abbinata ad un quantitativo di memoria video realmente molto elevato: parliamo di 80GB con moduli HBM2e come massimo, caratteristica che permette di raggiungere una bndwidth massima teorica di ben 2TB/s. NVIDIA offre una seconda versione di questa GPU abbinata al più contenuto quantitativo di 40GB HBM2 (bandwidth di 1,6TB/s), ferme restando le altre caratteristiche tecniche di base.

Tutti sappiamo che un elevato quantitativo di memoria video abbinata ad una GPU permette di incrementare le prestazioni, evitando che queste possano andare incontro ad un collo di bottiglia quando la risoluzione si spinge su valori molto elevati. In ambito di elaborazione parallela, target di riferimento di prodotti come questo, il maggior quantitativo di memoria onboard è invece una caratteristica che permette di incrementare sensibilmente le prestazioni complessive proprio negli specifici ambiti di calcolo parallelo. Da questo un quantitativo onboard così elevato che sarebbe sovrabbondante quale frame buffer anche pensando di usare la risoluzione video di 8K.

Questa seconda versione di scheda A100è offerta nel tradizionale form factor PCI Express e si affianca a quella sino ad oggi offerta ai clienti, in formato SXM4: quest’ultimo è proprietario di NVIDIA ed è pensato per installare le schede video direttamente sulla scheda madre del server. In questo modo NVIDIA può espandere la propria offerta di prodotti, dando la possibilità ai clienti che volessero installare questa scheda all’interno di una tradizionale workstation senza dover necessariamente optare per un server rack.

La versione PCI Express, ovviamente in standard Gen 4.0, vanta le stesse specifiche del modello SXM4 differenziandosi solo per un particolare: è possibile collegare in parallelo solo un massimo di 2 schede di questo tipo via collegamento NVLink, mentre con le versioni SXM4 ci si può spingere oltre. C’è inoltre da evidenziare che il form factor SXM4 permette di fornire alla scheda sino a 400 Watt di potenza, valore invece inferiore (tra 250 Watt e 300 Watt) per la declinazione PCI Express. Al momento attuale non sono noti i prezzi di questa scheda ma pensando al listino delle versioni SXM4 (indicativamente 15.000-20.000 dollari) non sarà di certo una scheda a buon mercato.