NASA SLS per Artemis I: il test rimane programmato per domani, 21 settembre

Il grande razzo spaziale NASA SLS per la missione Artemis I diretta verso la Luna (senza equipaggio) è ancora sul pad di lancio pronto per eseguire i test che cercheranno di valutare se le riparazioni effettuate in questi giorni sono servite a bloccare la perdita di idrogeno liquido da uno dei sistemi a sgancio rapido. Questo inconveniente registrato durante il tentativo del 3 settembre ha fatto in modo di far slittare la data di lancio a non prima del 27 settembre, con data di backup il 2 ottobre.

nasa sls artemis I

Come abbiamo avuto modo di scrivere in precedenza, gli ingegneri si sono trovati di fronte a due scelte (difficili): riportare lo Space Launch System all’interno del VAB per le riparazioni ma senza la possibilità di fare test di tenuta a temperature criogeniche oppure far rimanere il razzo e la capsula esposti alle intemperie ma permettendo di eseguire i test con propellente criogenico. La scelta dei responsabili è stata la seconda. Questo ha ridotto i tempi di esecuzione non dovendo spostare il vettore.

NASA SLS e Artemis I: il test sarà domani

Nella giornata del 21 settembre (domani) si terrà il test che, come specificato in precedenza, non sarà un vero e proprio Wet Dress Reharsal, come accaduto nei mesi scorsi. Si tratterà invece di una prova con idrogeno e ossigeno liquidi che fluiranno all’interno dei serbatoi per controllare se i sistemi quick disconnect sono effettivamente riparati come previsto. In base al risultato di questo test sapremo se la missione Artemis I potrà provare a partire entro la prima parte di ottobre.

nasa sls artemis I

Nel blog ufficiale si legge che durante le analisi del sistema che ha avuto una perdita, bloccando il lancio di NASA SLS, era presente una “piccola rientranza” nella guarnizione da 20 cm. Questa parte del sistema quick disconnect serve per il carico del propellente e potrebbe essere stata la causa della perdita rilevata il 3 settembre.

Ora dovrebbe esserci stata una sostituzione completa delle varie interfacce fisiche (sia della torre di lancio che del razzo) per garantire che questo inconveniente non possa più verificarsi. Sono state aggiornate anche le procedure di caricamento del propellente e modificato parte del software di gestione delle squadre di terra che dovrebbero garantire il successo sia del test che del lancio (salvo nuovi imprevisti).

nasa sls artemis I

In particolare è stato previsto di riempire i serbatoi di NASA SLS a pressioni inferiori. Questa accortezza dovrebbe evitare eccessivi carichi sul sistema di tubazioni e connessioni così da scongiurare perdite (riducendo anche i rapidi cambiamenti di temperatura). Nelle nuove procedure che saranno provate durante il test di domani è previsto che ci sarà prima il riempimento lento poi poi passare a quello rapido e contestualmente a quest’ultimo ci sarà anche il condizionamento dei motori RS-25. Una volta riempiti i serbatoi ci sarà un test della pressione (simulando quella del momento poco prima del lancio) e a quel punto ai motori verrà inviato più idrogeno liquido.

Il carico dei propellenti per NASA SLS dovrebbe avvenire a partire dalle 13:00 di domani (ora italiana) e si dovrebbe concludere intorno alle 21:00. Tutte le tempistiche sono soggette a modifiche in base alle condizioni meteo (attualmente favorevoli) o se verranno riscontrati nuovi problemi. Come specificato dall’agenzia, la prova comprenderà il caricamento del propellente sia nello stadio principale (Core Stage) sia nell’ICPS (stadio superiore). Invece Orion e i booster con propellente allo stato solido saranno disattivati.

Idee regalo,
perché perdere tempo e rischiare di sbagliare?

REGALA
UN BUONO AMAZON
!