NewsTecnologia

Monopattini elettrici: guardate cosa succede in questo crash test a chi lo usa

Il Bonus Mobilità approvato dal Governo per il rilancio dell’Italia a causa della pandemia da COVID-19 è senza dubbio un incentivazione quanto mai interessante che permette a molto di poter utilizzare sconti e rimborsi per l’acquisto di biciclette o anche monopattini elettrici. Quello che però deve sempre essere preso in considerazione quando si acquista un monopattino è il loro utilizzo. Solitamente infatti vengono utilizzati nel traffico cittadino e capita sempre più spesso che chi li utilizza non conosce i segnali stradali o ancora peggio non rispetta il codice della strada che anche per i monopattini deve essere rispettato almeno in parte.

Proprio sui monopattini elettrici da tempo sono stati realizzati studi sul loro impatto nel traffico cittadino e soprattutto sono state realizzate dei veri e propri crash test che permettono di avere la concezione di quello che accade quando un mezzo elettrico del genere si scontra con un’auto. Il video realizzato lo scorso anno dalla fka GmbH ossia un’azienda tedesca specializzata sulle auto e non solo, permette di osservare quello che accade ad una persona a bordo di un monopattino elettrico nel momento del suo impatto con un’autovettura a diverse velocità ma soprattutto a diversi angoli di impatto.

Monopattino elettrico: ecco il video di un crash test

Il video certamente è più chiaro di molte spiegazioni. In questo caso quello che è stato realizzato da fka è un triplo test in cui il manichino è stato impiegato ponendolo su di un classico monopattino elettrico e mandato contro un’auto ad una velocità massima di 24/25 km/h che poi è quella consentita in Italia per chi vuole usare questo mezzo nelle strade. Il crash test ha visto quindi un primo impatto con uno scontro laterale rispetto all’auto in cui il monopattino arriva in direzione perpendicolare rispetto alle portiere laterale dell’automobile. Quindi un secondo e terzo test in cui invece il monopattino con il suo conducente arriva con un angolo diverso da quello a 90 gradi impattando al posteriore prima e all’anteriore poi.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"