NewsTecnologia

Modern AM271 11M, l’All-In-One di MSI per smart working e didattica a distanza

Abbiamo avuto modo di provare un nuovo PC All-In-One di MSI, il Modern AM271 11M che si rivolge a chi necessita di un computer “plug and play” per l’ufficio, il negozio o semplicemente un sistema da posizionare in casa per operazioni quotidiane come mandare email, navigare sul web, vedere contenuti in streaming, partecipare a videoconferenze e usare la suite Office. Detto in altro modo, si tratta della gran parte della routine di uno smart worker o di uno studente che deve seguire le lezioni a distanza.

Il cuore di questo Modern AM271 11M è un pannello “non touch” da 27 pollici “IPS grade”, con retroilluminazione LED e risoluzione Full HD. L’azienda taiwanese ha inoltre implementato la tecnologia che riduce lo sfarfallio (MSI Anti-Flicker) per affaticare meno gli occhi. A bordo, almeno sul modello giunto in redazione, troviamo il sistema operativo Microsoft Windows 10 e una piattaforma hardware così composta: un processore con 4 core e 8 thread Intel Core i7-1165G7 con GPU integrata Iris Xe Graphics (96 EU per 768 ALU), 16 GB di memoria (8 GB x 2 di DDR4-3200 SO-DIMM) e un SSD da 512 GB, precisamente un modello Western Digital SN530 PCIe Gen3 x4.

In termini di connettività ci troviamo di fronte a un prodotto completo, in quanto abbiamo una soluzione Intel Wireless AX201 per garantire il Wi-Fi 6 (e il Bluetooth) mentre se preferite il cavo c’è un controller Realtek RTL8111H che gestisce una porta Gigabit Ethernet. Arriviamo alle porte: sul lato sinistro ci sono due USB 3.2 Gen 2 Type C (10 Gbps), due USB 3.2 Gen 2 Type A, il jack combo per cuffie e microfono. Appena sotto troviamo il tasto di accensione. Sempre a sinistra rispetto alla parte frontale, ma posteriormente, ecco due porte USB 2.0, una HDMI in, una HDMI Out e la porta LAN.

Nella parte posteriore superiore, centralmente, c’è una porta USB 2.0 posizionata in modo tattico per permettere il collegamento di una webcam “a clip” sulla parte superiore del display: MSI include una soluzione Full HD nella confezione di questo PC AIO (purtroppo non presente nel bundle del nostro sample), rendendovi quindi pronti a compiere qualsiasi attività. A tal proposito, non mancano due speaker da 2,5W che “suonano” verso il basso, quindi verso la scrivania.

Sulla parte posteriore destra, oltre al joystick per accedere all’OSD, c’è un pannellino che nasconde la possibilità di inserire un hard disk o un SSD SATA a 2,5″, in modo da ampliare lo storage alla bisogna e senza difficoltà. NOTA: il sistema ha un BIOS accessibile, Click BIOS, che anche se spartano permette di agire su alcuni parametri come la gestione del boot.

Le buone scelte di MSI

Aperta la scatola, montare il Modern AM271 11M è davvero un gioco da ragazzi, questione di pochissimi minuti. Agganciata la base al supporto e stretta una vite, non vi resta che agganciare il pannello al supporto centrale tramite quattro viti. Collegate poi l’alimentatore da 120W al jack apposito e il gioco è fatto, accendetelo e calatevi immediatamente nelle vostre attività. Il supporto permette di inclinare verso l’alto e il basso il pannello, ma anche alzarlo e abbassarlo per la migliore ergonomia: non è possibile ruotarlo verso destra o sinistra (cosa che MSI potrebbe approntare per il futuro, chiudendo il cerchio).

L’altra scelta ergonomica di MSI è stata quella di ridurre il più possibile i bordi del pannello, che su tre lati sono quasi invisibili, mentre in basso possiamo contare poco più di un centimetro. Questo look è facilitato anche dalla scelta di non integrare una webcam, ma fornirne una in dotazione collegabile alla bisogna: in questo modo l’azienda risponde in un colpo solo a due necessità, quella di aver una webcam e la possibilità di staccarla quando non in uso per la massima privacy.

La presenza di una porta HDMI in e di una HDMI out permette sia usare l’All In One come un secondo monitor di un altro sistemo oppure di collegarvi un altro monitor e questo offre quindi da una parte la massima flessibilità per approntare una configurazione a doppio display, e dall’altra consente di riutilizzare l’AIO come monitor qualora la potenza offerta risultasse insufficiente in futuro. Inoltre, la conformità VESA (75 x 75 mm) permette di montare il Modern direttamente al muro per ridurre l’ingombro sulla scrivania. MSI offre anche un braccio chiamato MT81.

Visto il profilo non troppo ingombrante, l’AM271 11M è anche facilmente spostabile, anche da montato infatti non pesa molto.

Raffreddamento e prestazioni

Il sistema di raffreddamento in questo AIO è sempre attivo e nelle operazioni più leggere non si fa notare molto, specie se si è in un ufficio con del rumore di sottofondo. Per saggiarne le qualità abbiamo imposto un carico con Cinebench R23, dove il processore con grafica integrata Tiger Lake-U ha raggiunto 5548 punti in multi-core e 1455 punti in single core, arrivando a toccare una temperatura di circa 80 °C grazie alla ventola che si spinge a oltre 2700 RPM, con punte di 3700 RPM, diventando abbastanza rumorosa. Si tratta tuttavia di un carico limite per il quale il sistema di MSI non è progettato.

Abbiamo scattato qualche foto con la termocamera per vedere la distribuzione del calore. Come si vede, l’hardware è nella parte destra – se si osserva l’AIO da dietro – e la temperatura della scocca è in genere intorno ai 30-35 °C. Il valore di quasi 53 °C che vedete è relativo a un punto appena sopra le feritoie da cui viene espulsa l’aria calda. Sulla parte sinistra, dove dovrebbe risiedere un eventuale SSD o hard disk da 2,5″, non essendoci nulla la temperatura è molto contenuta, ma anche con un disco non dovrebbe salire molto.

La grafica integrata permette di giocare, seppur con dettagli ridotti. Abbiamo provato Fornite in Full HD con dettaglio Medio registrando un frame rate intorno a 80 fps. Alzare il livello di dettaglio non è possibile, in quanto il frame rate scende in modo drammatico. Tenendo conto del fatto che si tratta di una CPU mobile con GPU integrata non si può pretendere molto: se giocate a un gestionale o qualche strategico non dovreste avere grandi problemi, mentre con altri generi dovrete chiaramente operare delle rinunce. Di certo MSI non ha pensato al gaming progettando questo AIO.

OSD a cinque vie e ScenaMax

Tramite un piccolo joystick nella parte posteriore sinistra (osservando il PC da dietro) è possibile navigare in modo intuitivo l’OSD (On Screen Display): è possibile impostare e modificare diversi parametri come luminosità e contrasto, temperature colore e rapporto di aspetto, ma anche passare tra profili preimpostati. Questi cambiamenti sono in parte possibili anche tramite un software installato chiamato ScenaMax preinstallato in Windows.

Il pannello, come si comporta?

Bilanciamento RGB
Bilanciamento RGB

Curva di Gamma
Curva di gamma

Gamut
Gamut

DeltaE
DeltaE

Il sistema All In One MSI Modern AM271 11M è provvisto di un display da 27 pollici in risoluzione Full HD di 1920×1080 pixel, per una risultante definizione di 81 pixel per pollice. Il pannello viene definito “IPS grade” e dalle analisi che abbiamo condotto possiamo dire si tratta effettivamente di un pannello IPS. La prova strumentale mostra un quadro nel complesso convincente: ci siamo concentrati anzitutto sul profilo preimpostato “sRGB”, che rappresenta a nostro avviso quello che riesce ad incontrare le esigenze della stragrande maggioranza degli utenti e degli impieghi. L’analisi del bilanciamento RGB mostra in questo caso sia una eccedenza di rosso, sia una carenza di blu, che tendono a dare una dominante leggermente calda alla resa complessiva.

La progressione tonale è corretta e ben aderente al riferimento, con il pannello che in questo profilo esprime una luminanza massima di 244 candele su metro quadro, per un rapporto di contrasto di intra-frame di 710:1. Passando al dominio cromatico osserviamo un triangolo di gamut che tende ad eccedere rispetto al riferimento nella zona dei rossi e gialli, ma mostra comunque una ampiezza piuttosto buona. La misura della fedeltà cromatica conferma descrive un pannello che si comporta abbastanza bene: non si tratta di un pannello che possiamo ritenere adeguato ad applicazioni professionali di alta fascia che richiedono assoluta precisione cromatica, ma più che valido per impieghi ordinari di produzione personale e da ufficio.

Questo sistema offre altri profili preimpostati destinati, almeno nelle intenzioni di MSI, a diverse tipologie di impiego. Li riportiamo pedissequamente di seguito: “Cinema”, “Progettista”, “Lettore” e “Utente”. Quest’ultimo consente, com’è intuibile, di regolare alcuni parametri che negli altri profili non sono accessibili. A tal proposito abbiamo condotto una rapida calibrazione che ci ha permesso, come vediamo nel grafico qui sopra, di eliminare la leggera dominante calda che abbiamo riscontrato nel profilo sRGB: utile osservare che il livello delle tre componenti è preimpostato a 50 su una scala da 0 a 100, e questo consente di avere un buon margine di manovra nella regolazione del bianco.

Il profilo “Lettore” ha l’effetto di abbattere in maniera significativa l’emissione della luce blu, con l’obiettivo di restituire un maggior comfort visivo. L’analisi strumentale di questo profilo rileva non solo i bassi livelli della componente blu, ma anche un innalzamento del livello di rosso. In questo modo la resa viene “scaldata”, ma il risultato dal punto di vista percettivo è forse un po’ troppo incisivo.

Infine uno sguardo alla curva di gamma del profilo “Progettista”: vediamo che in questo caso la luminanza massima si eleva fino quasi a 350 candele su metro quadro, ma con una curva un po’ particolare in cui le alte luci sono enfatizzate e arrivano addirittura al clipping dal 90% della scala di grigi in poi. In questo caso il contrasto nativo arriva a 1000:1, ma con il dazio di perdere dettaglio sulle alte luci. In generale quindi il profilo sRGB ci sembra quello più adatto e consigliabile alla stragrande maggioranza degli utenti, specie nel momento in cui non si disponga della strumentazione necessaria per effettuare le regolazioni opportune.

Quanto costa?

In Italia il Modern AM271 11M arriverà in otto configurazioni, almeno inizialmente, nel corso di maggio. I prezzi partiranno da 999€ fino ad arrivare a 1399€ in base alla configurazione interna: ci saranno versioni con processori Intel Core i5-1135G7 o Core i7-1165G7, 8 o 16GB di RAM, un mix di archiviazione tra SSD (256 o 512GB) e HDD (1TB) oltre a Windows 10 Home o Pro. Il sistema sarà disponibile in colorazione sia bianca che nera.

Il modello da noi provato dovrebbe costare proprio 1399€, che non è certo poco ma tenendo conto che è un prezzo di listino riteniamo possibile che una volta giunto sul mercato sarà possibile acquistarlo anche a meno. Fermo restando quindi prezzo e disponibilità, il Modern AM271 11M di MSI si presenta come un buon prodotto per uso casalingo o da ufficio, dotato di un pannello adeguato al compito per cui è stato progettato e di hardware “da notebook moderno” che risponde bene alla produttività leggera (Office, un leggero fotoritocco, navigazione online) e alla bisogna consente anche di divertirsi con qualche gioco graficamente non troppo esigente, andando comunque a ben calibrare risoluzione e livello di dettaglio.