NewsTecnologia

Microsoft Teams sfida Zoom con chiamate fino a 20.000 partecipanti. Arrivano anche i telefoni e gli schermi

Microsoft sta investendo molto in Teams, la sua piattaforma di collaborazione concorrente di Slack, per renderla adatta a una grande varietà di casi d’uso che vadano oltre la sola collaborazione tra colleghi. La direzione che sta prendendo lo sviluppo è quella di portare Teams a competere anche con Zoom potenziandone le capacità di videochiamata. Al contempo arrivano anche dispositivi per gestire meglio le chiamate individuali.

Microsoft Teams contro tutti: Zoom nel mirino (mentre arrivano le chiamate telefoniche)

La crescita vertiginosa di Zoom ha portato Microsoft a considerare nuove modalità di utilizzo per Teams. Zoom viene infatti utilizzato non solo per riunioni tra membri di uno stesso gruppo di lavoro o di una stessa azienda, ma anche per raggiungere un pubblico più ampio, ad esempio in caso di conferenze stampa. Microsoft ha quindi annunciato il nuovo pacchetto Comunicazioni Avanzate che permetterà di raggiungere molte più persone.

Grazie al nuovo pacchetto sarà ora possibile creare riunioni a cui potranno partecipare fino a 20.000 persone, così da poter coinvolgere un pubblico realmente vasto. I partecipanti potranno interagire attivamente con le riunioni quando saranno meno di 1.000; superata tale soglia, invece, le chiamate si trasformeranno automaticamente in trasmissioni di sola visione.

Gli amministratori potranno inoltre configurare Teams perché venga utilizzato uno sfondo virtuale, come ad esempio il logo aziendale, a rimpiazzo di quello reale; sarà inoltre possibile definire delle politiche a livello aziendale per quanto riguarda la registrazione delle riunioni.

Sul fronte diametralmente opposto della quantità di partecipanti rimane ancora forte la domanda per le chiamate tra singoli colleghi. Microsoft sta investendo anche su questo fronte e ha annunciato il lancio di diversi “schermi per Microsoft Teams“: dispositivi con un touchscreen creati appositamente per gestire le chiamate su Teams e per rimpiazzare i classici telefoni da scrivania, di fatto tablet con Android dotati di un’interfaccia specializzata. Tali dispositivi offrono la possibilità di gestire non solo le chiamate audio, ma anche quelle video, e potranno essere gestiti tramite comandi vocali grazie a Cortana.

Microsoft ha altresì annunciato che estenderà il supporto per i telefoni Skype For Business (3PiP) oltre il 2023, così che le aziende che ne sono dotate possano continuare a utilizzarli. Nella prima metà del 2021 verrà inoltre introdotta la possibilità di utilizzare i telefoni SIP di Cisco, Yealink, Polycom e altri produttori.

Saranno inoltre disponibili dei telefoni da scrivania classici in grado di collegarsi al servizio di telefonia in cloud di Microsoft Teams per gestire sia le chiamate interne al servizio sia quelle di telefonia tradizionale. Tali telefoni saranno in vendita dal 2021.

Non sono ancora stati comunicati i prezzi dei dispositivi hardware, mentre il pacchetto Comunicazioni Avanzate è già disponibile per gli abbonati a Microsoft 365 od Office 365.