NewsTecnologia

Logan Paul truffato: spende 3,5 milioni di dollari in carte Pokémon, ma sono false

Classe 1995, Logan Paul è un personaggio a dir poco eccentrico. Lo youtuber e, da qualche anno, pugile statunitense ha recentemente conquistato l’attenzione del pubblico con il suo ultimo acquisto, un pacco contenente diverse bustine di carte Pokémon provenienti dalla primissima edizione del TCG. Il gioco di carte dedicato al popolare franchise Nintendo rientra infatti tra le grandi passioni di Paul: basti pensare che, in occasione dell’incontro con Floyd Mayweather Jr., il pugile aveva esibito una rarissima carta di Charizard dal valore di 150.000 dollari.

Per il suo ultimo acquisto da record Logan Paul ha speso la bellezza di 3,5 milioni di dollari, ma c’è stato un ‘piccolo’ imprevisto: tutte le carte contenute nei pacchetti sono false.

Acquisto milionario di carte Pokémon, ma erano carte di G.I. Joe

Come raccontato su Twitter dalla vittima della truffa, lo youtuber era già finito sulle prime pagine di blog e quotidiani dopo aver condiviso la notizia del suo ultimo acquisto: una scatola contenente ben 11 ‘booster pack’ della prima edizione del Pokémon Trading Card Game. Al momento dell’acquisto, lo stesso Logan Paul aveva confermato l’autenticità delle bustine sigillate, ma doveva ancora effettuare l’agognato unboxing da condividere con i suoi fan.

I problemi sono iniziati quando alcuni follower di Paul hanno messo in dubbio l’autenticità dei booster pack: i più esperti hanno infatti notato che la scatola contenente i rarissimi pacchetti non somigliava alle confezioni utilizzate per la distribuzione dei set originali. Oltretutto, la persona che ha venduto le rarissime carte avrebbe cambiato almeno tre volte la storia su come è entrato in possesso di questi cimeli, il che mette ulteriormente in questione la validità del prodotto.

logan paul carte

Logan Paul ha dunque contattato il collezionista Matt Allen, il quale aveva acquistato la suddetta scatola per 2,7 milioni di dollari prima di rivenderla allo youtuber per 3,5 milioni. I due volano a Chicago per incontrare l’associazione della Baseball Card Exchange (BBCE) e verificare di persona l’autenticità delle carte, ricevendo di fatto il via libera. Ecco arrivare la terribile scoperta: quando Paul apre la scatola trova i pacchetti contraffatti contenenti delle carte collezionabili di G.I. Joe. È la più grande truffa della storia del Trading Card Game di Pokémon.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

“Sono una persona super-positiva, fratello, e sarò sempre quello che guarda il lato positivo. E ci sto provando, ma (al momento) è molto difficile”, ha dichiarato un deluso Logan Paul.