NewsTecnologia

LG: con CalMAN arriva sui TV la calibrazione automatica, per i puristi del colore

La qualità raggiunta dagli attuali pannelli per TV è tale da riuscire anche a tenere il passo dei monitor professionali. Sappiamo bene che la parola ‘calibrazione‘ è fondamentale ogni volta che si parla di imaging in ambito professionale, ma se per quanto riguarda i monitor si tratta di una procedura alla portata praticamente di tutti, in ambito TV le cose si fanno più complicate. O meglio, lo erano fino a poco tempo fa. Ultimamente stiamo assistendo a un crescente interesse dei produttori verso soluzioni che permettano una facile calibrazione anche su prodotto tipicamente consumer come i televisori.

 

È la strada intrapresa anche da LG: già l’anno scorso abbiamo visto l’integrazione di una LUT 3D da 17x17x17, ma quest’anno, come abbiamo potuto saggiare durante un TV Tech Seminar organizzato da LG nella sua sede di Madrid, la 3D Look Up Table (il nome esteso della LUT) passa a ben 35.937 punti colore, su una matrice 33x33x33. Non solo, questa LUT in tre dimensioni ora è – finalmente – facilmente accessibile e può essere utilizzata per per regolare la calibrazione in modo automatico tramite il software CalMAN. Il tutto grazie all’adozione del nuovo processore α9, vero cuore pulsante dei TV al top della gamma 2018.

Naturalmente, è questo è ancora un passaggio non del tutto accessibile al grande pubblico, per le fasi di calibrazione è necessario l’utilizzo di una sonda, elemento che può essere anche molto costoso. Quella che abbiamo visto all’opera era un prodotto del marchio Klein Instruments da ben 6.900€, ma Spectracal, casa che produce il software CalMAN, ne ha a catalogo anche di più economiche. Anche il software è a pagamento.

Il processo di auto-calibrazione messo a punto da LG Spectracal è poi molto semplice prevede l’interfaccia tramite connettività Ethernet o Wi-Fi, eliminando il problema di interfacce e cavi compatibili. È possibile modificare tramite la calibrazione i diversi profili preimpostati dalla casa: cinque di essi sono a gamma dinamica standard SDR (Cinema, Expert 1, Expert 2, Game e Technicolor), tre HDR (HDR Cinema, HDR Game e HDR Technicolor) e altrettanti sono quelli dedicati ai contenuti Dolby Vision (DV Cinema Home, DV Cinema e DV Game). Gli OLED LG delle serie W8, E8, C8 e B8, così come i nuovi LCD Super UHD, sono i primi TV consumer ad offrire una LUT 3D interna regolabile tramite CalMAN.

Voi cosa ne pensate? È benvenuta la possibilità di accedere alla calibrazione automatica del vostro TV di casa o la vedete come un complessità inutile al grande pubblico e utile solo a chi deve utilizzare i TV come display di riferimento in ambito professionale? Sareste disposti a spendere di più se in futuro ci fosse in gamma un televisore con sonda integrata per la calibrazione, che non richieda l’acquisto di un apparecchio di misura esterno?