NewsTecnologia

Le specifiche PCI Express 6.0 in dirittura d’arrivo

PCI-SIG, l’ente che è responsabile per la definizione delle specifiche dei differenti standard PCI Express, ha in settimana annunciato il raggiungimento del Final Draft per le specifiche dello standard PCI Express 6.0. Le specifiche attuali sono versione 0.9, verranno nei prossimi mesi mutuate in release finale 1.0: in questo arco di tempo i membri del PCI-SIG potranno verificare il nuovo standard per brevetti e proprietà intellettuali, senza però che sia possibile introdurre nuove modifiche allo standard.

La principale novità tecnica di questo standard è l’aumento della velocità di trasmissione sino a 64GT/s per pin, un raddoppio rispetto ai 32GT/s dello standard PCI Express 5.0. In questo modo è possibile ottenere una bandwidth di trasferimento dei dati sino a 128GB/s in tutte le direzioni, sfruttando un’interfaccia di tipo x16. Rimane sempre possibile, come visto anche con le precedenti specifiche apparse in commercio, il poter utilizzare periferiche che non siano certificate PCI Express 6.0 ovviamente ottenendo una riduzione della velocità a quella corrispondente della specifica del componente più vecchio in uso.

Per l’adozione delle specifiche PCI Express 6.0 nelle proprie periferiche e prodotti le aziende dovranno adottare alcune tecniche specifiche, tra le quali ad esempio la modulazione di ampiezza dell’impulso a quattro livelli (PAM-4). Questa tecnica è piuttosto onerosa da implementare nei componenti ed è quindi facile ipotizzare che potrebbe non portare ad una rapida diffusione sul mercato di questo nuovo standard per il costo incrementale rispetto alle altre e meno veloci implementazioni.

La disponibilità di periferiche PCI Express 6.0 sul mercato è però ancora lontana, visto e considerato che solo ora stiamo assistendo alla diffusione di quelle compatibili PCI Express 4.0. Nel corso dei prossimi mesi debutteranno anche le prime piattaforme compatibili con le specifiche PCI Express 5.0 ma ci vorrà ancora tempo prima che le periferiche compatibili, a partire da schede video e soluzioni di storage SSD, entrino in vendita sul mercato.