NewsTecnologia

L’app Messaggi di Android disponibile sul web: ecco come utilizzarla

Google ha di recente annunciato l’avvio del roll-out dell’app Android Messaggi sul web. L’applicazione sarà quindi accessibile anche via browser, in modo tale da inviare messaggi di testo anche su PC o su qualsiasi altro dispositivo con integrato un browser web, quando non si ha lo smartphone a portata di mano. Soluzioni del genere stanno diventando particolarmente popolari: Microsoft ha annunciato Your Phone per Windows 10, HP e Dell hanno le loro soluzioni proprietarie come PhoneWise e Mobile Connect, e tutte funzionano anche se si ha uno smartphone Android.

Messaggi per il Web

Come accedere a Messaggi per il Web

Per accedere ad Android Messaggi sul web è sufficiente indirizzare il proprio browser a questo indirizzo e seguire semplicemente le istruzioni. Il funzionamento è simile a quello di WhatsApp Web: si scansiona un QR Code e il sistema sincronizza l’app mobile con il browser. La funzione è in roll-out, quindi non è disponibile per tutti gli utenti al momento in cui stiamo scrivendo questo articolo, ma dovrebbe arrivare nel giro di pochi giorni su tutti i sistemi compatibili.

Messaggi per il Web, questo il nome esatto della funzionalità, rappresenta un nuovo passo in avanti nella strategia di Google relativa alla spinta della tecnologia RCS (Rich Communication Services). È un tassello necessario per Google affinché riesca a competere in maniera più efficace nei confronti dei sistemi di messaggistica concorrenti, come iMessage di Apple o Facebook Messenger, che sono da tempo disponibili su più tipologie di dispositivi. Google non è riuscita mai a sfondare nel campo della messaggistica: ci ha provato con Allo e Hangouts con risultati non sempre positivi, e adesso sta cercando di spingere con l’app di default disponibile sui terminali Android.

Fra le regole più ovvie per il successo di una soluzione di messaggistica c’è la disponibilità multi-piattaforma, e da questo punto di vista Android sta compiendo un enorme passo in avanti, superando di fatto Apple i cui sistemi sono disponibili solamente sui dispositivi proprietari. Tutte le soluzioni menzionate in questa pagina funzionano sulla stragrande maggioranza dei dispositivi in circolazione oggi, ad eccezione di iMessages che – per quanto sia disponibile sui Mac con un’app nativa – latita ancora sulle piattaforme Windows. E forse mai ci sarà.