La nuova strategia di Samsung Electronics per azzerare le emissioni

Samsung Electronics ha annunciato la sua nuova strategia per la sostenibilità ambientale: l’obiettivo è quello di raggiungere emissioni zero entro il 2050. La multinazionale punterà maggiormente sulle rinnovabili e investirà in nuove tecnologie, così da poter realizzare prodotti più efficienti dal punto di vista energetico. 

Zero emissioni di CO2: ecco come Samsung punta a raggiungere l’obiettivo entro il 2050

New_Environmental_Strategy_dl5

Samsung è al lavoro per abbattere le emissioni dei suoi stabilimenti e lungo la supply chain, con l’obiettivo di azzerarle entro il 2050. Alcune divisioni del colosso, come Device eXperience (che comprende Visual Display Business, Digital Appliances Business, Health & Medical Equipment Business, MX Business and Networks Business), riusciranno a raggiungere il net zero già nel 2030, sia per quanto riguarda le emissioni dirette (Scope 1) sia quelle indirette relative allo Scope 2, cioè l’impatto derivante dall’energia utilizzata. 

In pratica, Samsung prevede di ridurre le emissioni dell’equivalente di circa 17 milioni di tonnellate di emissioni di biossido di carbonio (CO2e), basandosi sui dati del 2021.

A tal proposito, si è unita all’iniziativa globale RE100, impegnandosi a utilizzare solamente energia proveniente da fonti rinnovabili per tutte le sue attività al di fuori della Corea. Un obiettivo che, nel caso della divisione Device eXperience, sarà raggiunto entro cinque anni

In Asia Sud-occidentale e in Vietnam le attività del colosso useranno solo energia rinnovabile dal 2022, mentre per l’America Centrale e Latina l’obiettivo sarà raggiunto entro il 2025. Il 2027 sarà il turno di Sud-est asiatico, la CSI e l’Africa.

Prodotti sempre più efficienti

L’impegno di Samsung per la decarbonizzazione si concretizzerà anche in una maggiore attenzione all’efficienza energetica dei suoi prodotti. A partire dallo sviluppo di chip di memoria a bassissimo consumo per i data center e i dispositivi mobili, soluzioni che vedranno la luce entro il 2025. 

I prodotti per il mercato dell’elettronica di consumi, come TV, smartphone, condizionatori, lavatrici e via dicendo, entro il 2030 consumeranno il 30% di energia in meno rispetto ai device di pari specifiche prodotti nel 2019. 

Attenzione anche all’economia circolare. Samsung ha dato vita al Circular Economy Lab, laboratorio dove si farà ricerca sulle tecnologie di riciclo dei materiali e sui processi di estrazione delle risorse dai rifiuti, con l’obiettivo di applicare queste tecnologie per massimizzare la circolarità delle risorse. Entro il 2030, la multinazionale prevede di mettere in piedi un sistema che consentirà il riciclo dei minerali estratti dalle batterie usate

ZFold4

Sempre per il 2030, l’azienda prevede di incorporare resina riciclata nelle materie plastiche usate per i suoi prodotti, percentuale che salirà al 100% entro il 2050. Un primo esempio di questo approccio è stato adottato per il Galaxy Z Fold4, realizzato con plastica riciclata da reti da pesca dismesse.

L’acqua è una risorsa preziosa

Anche l’utilizzo dell’acqua può rappresentare un problema per l’ambiente. Secondo le stime di Samsung, il fabbisogno idrico delle attività situate in Corea raddoppierà entro il 2030 a causa dell’espansione della capacità produttiva di semiconduttori. L’azienda promette di ottimizzarle, promuovendo il riutilizzo delle risorse idriche migliorando gli impianti di depurazione e di restituire, entro il 2030, la stessa quantità di acqua utilizzata attraverso progetti di ripristino delle risorse idriche, come il miglioramento della qualità dell’acqua e il risanamento dei corsi d’acqua.

“La crisi climatica è una delle sfide più grandi del nostro tempo. Non agire ora porterebbe a delle conseguenze inimmaginabili e per questo dobbiamo agire tutti, imprese e governi inclusi”, afferma Jong-Hee Han, Vice Chairman and CEO of Samsung Electronics, che prosegue “Samsung sta rispondendo ai pericoli del cambiamento climatico con un piano omnicomprensivo che include la riduzione delle emissioni, nuove pratiche di sostenibilità e lo sviluppo di tecnologie innovative e prodotti migliori per il nostro pianeta.”

La crisi climatica è una delle sfide più grandi del nostro tempo. Non agire ora porterebbe a delle conseguenze inimmaginabili e per questo dobbiamo agire tutti, imprese e governi inclusi”, dichiara Jong-Hee Han, Vice Chairman and CEO of Samsung Electronics. “Samsung sta rispondendo ai pericoli del cambiamento climatico con un piano omnicomprensivo che include la riduzione delle emissioni, nuove pratiche di sostenibilità e lo sviluppo di tecnologie innovative e prodotti migliori per il nostro pianeta”.