NewsTecnologia

iTek Taurus X30, tastiera meccanica con switch blu e retroilluminazione RGB

Gli appassionati di gaming ad alte prestazioni e dei sistemi di retroilluminazione accattivanti, e che al tempo stesso non vogliono spendere molto, sono capitati nella pagina giusta. iTek Taurus X30 è dotata di switch blu precisi e performanti e di retroilluminazione RGB presente non solamente nei tasti ma anche in due vistose fasce laterali. La retroilluminazione è poi personalizzabile nei minimi dettagli sia per quanto riguarda i tasti che nelle zone laterali, con due modalità di configurazione separate che funzionano attraverso combinazioni di tasti.

Ma il cuore di questa soluzione riguarda proprio gli switch blu. Come standard della categoria, si contraddistinguono per il feedback sonoro alla pressione, che si innesca congiuntamente al feedback tattile. Questo rende la soluzione iTek particolarmente adatta per quei giocatori che amano ricevere garanzie immediate sull’avvenuta pressione. Gli switch blu sono i più rumorosi del lotto, offrendo un click ben scandito all’innesco di ogni singolo tasto.

iTek reclamizza con lo stesso nome, “switch blu”, gli switch alla base di questa tastiera e della Taurus X21 che abbiamo provato precedentemente, ma dopo i nostri test abbiamo notato delle differenze. Innanzitutto, nella tonalità cromatica del blu, più chiaro nel caso della X30, e poi nella distanza di attuazione, maggiore per quanto riguarda la tastiera che qui stiamo analizzando. Ci sembra di poter dire che si tratta di cosa gradita nella misura in cui si possono evitare le pressioni accidentali.

A differenza della precedente soluzione, inoltre, qui abbiamo la possibilità di visualizzare 16 milioni di colori, per gli amanti delle retroilluminazioni aggressive. Ci sono 14 tipi di illuminazione in sequenza: modalità Sparkling stars (preimpostata), Snow, Flowing, Spectrum, modalità a intermittenza, modalità luce completamente accesa, Ripple, Shadow, Triggering, Lightwave, Raining, Drifting, Rainbow e Flowers. Tramite combinazioni di pulsanti si può aumentare o diminuire la luminosità, così come la velocità di intermittenza e la direzione della retroilluminazione a destra o a sinistra.

iTek Taurus X30

Gli effetti di retroilluminazione possono essere anche personalizzati e registrati. Ci sono 5 gruppi di retroilluminazione personalizzata: per registrare bisogna premere FN+1 per definire la retroilluminazione CM1, poi premere FN+ESC per iniziare a registrare. A questo punto occorre selezionare i tasti che si vogliono illuminare, scegliere i colori e infine premere di nuovo FN+ESC per salvare l’impostazione registrata.

Molto accattivanti anche le due fasce retroilluminate laterali, con effetti di retroilluminazione gestiti in maniera indipendente rispetto ai tasti e allo stesso modo ampiamente configurabili. Sono disponibili cinque effetti di illuminazione laterale RGB, ciclabili in sequenza. Si tratta di: Luce completamente accesa, Neon, Modalità Flowing, Marquee e a intermittenza. Si può modificare il colore dell’illuminazione laterale, così come la velocità di scorrimento. L’illuminazione laterale crea un grintoso effetto di luci attorno alla tastiera ma, eventualmente, può essere disabilitata.

iTek Taurus X30 è dotata di switch blu precisi e performanti e di retroilluminazione RGB presente non solamente nei tasti ma anche in due vistose fasce laterali

Tornando ai tasti, invece, questi sono stati creati con doppia iniezione in plastica Gemini, e sono “sospesi”, permettendo una pulizia semplice ed immediata. La scocca è composta da una lega molto resistente, e all’interno è presente una placca metallica per una maggiore stabilità. Inoltre, si possono trovare funzioni macro, multimediali, N-KeyRollover, anti-ghosting, regolazione di polling, blocco Windows. La tastiera è dotata di una serie di comandi rapidi per l’accesso al browser web, all’email e alla calcolatrice, insieme alle funzioni multimediali poste in concomitanza dei tasti che vanno da F1 a F12.

A differenza di altre soluzioni iTek, la X30 è dotata di software scaricabile dal sito ufficiale della compagnia. Rimane immediata come le precedenti soluzioni, con le combinazioni di pulsanti fisiche che rimangono alla base della maggior parte delle personalizzazioni come abbiamo appena visto. Allo stesso tempo, chi volesse scendere più in profondità nella customizzazione, può ricorrere al software.

Quest’ultimo permette di configurare tutti e 14 i preset di retroilluminazione come colori, intensità dell’illuminazione e velocità dell’effetto. All’interno del software si trova anche l’editor delle Macro, che permette di registrare, tra le altre cose, il ritardo tra una pressione e l’altra o di decidere di non avere ritardi e registrare la combinazione dei pulsanti in maniera asettica. Si può anche decidere il numero di cicli rispetto alla combinazione di pulsanti registrata o di ripetere il ciclo di attuazioni fin quando il pulsante associato alla macro rimane premuto. Si possono anche inserire eventi come la pressione di un tasto del mouse o un ulteriore ritardo.

iTek Taurus X30

La frequenza di polling della tastiera è di 1000 Hz, mentre una ROM interna garantisce il salvataggio delle configurazioni. Il cavo di collegamento presenta un sistema di filtraggio magnetico e il connettore USB placcato in oro. È lungo 1,6 metri. Le dimensioni della tastiera sono pari a 452x36x138mm e il peso è di poco inferiore al chilogrammo.

Alla fine dei conti, iTek Taurus X30 è però interessante soprattutto per il prezzo. iTek la mette a disposizione a soli 60 Euro circa, il che è interessante per una soluzione che si rivela molto robusta e precisa come lo sono tradizionalmente le tastiere meccaniche per il gaming. Ciò conferma l’impostazione tipica di iTek, che prende come modello prodotti già esistenti, li rielabora e, senza rinunciare troppo in termini di qualità dei materiali, li ripropone a prezzi decisamente aggressivi.

iTek Taurus X30 è adatta soprattutto a chi predilige gli switch blu, con un importante feedback tattile e sonoro. Gli switch offrono ottime prestazioni ed escludono le pressioni accidentali grazie a un’importante distanza di attuazione. Interessante anche il software, perché permette di personalizzare la tastiera più in profondità in termini di macro e di retroilluminazione.