NewsTecnologia

Il rover NASA Curiosity si scatta un nuovo ”selfie” su Marte e due immagini panoramiche

Anche se in queste ultime settimane si è fatto un gran parlare di NASA Perseverance e del compagno Ingenuity, c’è un altro rover ancora attivo su Marte! Ci stiamo riferendo ovviamente a NASA Curiosity che continua le operazioni di ricerca dopo oltre 3050 giorni marziani sul pianeta rosso. Negli ultimi giorni il rover marziano si è scattato un nuovo “selfie” per permettere di valutarne lo stato complessivo (ma anche per divulgazione).

nasa curiosity

Click sull’immagine per ingrandire

Il “selfie” è composto da 60 immagini scattate dal MAHLI (acronimo di Mars Hand Lens Imager). Questo strumento si trova sul braccio robotico del rover mentre gli scatti sono datati 26 Marzo 2021 pari al 3070° giorno marziano. Inoltre ci sono poi undici immagini scattate dalla Mastcam che si trova sulla “testa” del rover e datate 16 Marzo 2021.

Il nuovo selfie di NASA Curiosity su Marte

Nel nuovo mosaico di immagini si può vedere il rover coperto dalla polvere marziana con i danni alle ruote (che comunque resistono ancora). Questa possibilità è offerta grazie al braccio robotico, che non si vede nelle fotografie, e dalla composizione di diversi scatti.

curiosity marte

Click sull’immagine per ingrandire

NASA Curiosity ha scattato oltre 780 mila immagini da quando è arrivato su Marte con le sue diverse fotocamere. Proprio in questi ultimi giorni ci sono anche due nuovi panorami tridimensionali di una parete rocciosa che si trova nelle sue vicinanze. Si tratta ovviamente di un modo per dare nuovi elementi di studio per i geologi sulla Terra.

Come riportato dalla NASA, il rover è stato indirizzato verso una formazione rocciosa, alta circa 6 metri, soprannominata dagli scienziati “Mont Mercou” (una montagna in Francia). Sempre il rover ha realizzato un nuovo campionamento (il trentesimo dall’inizio della missione) che è stato chiamato “Nontron” per via del minerale nontronite scoperto nella regione francese e che è stato rilevato dagli orbiter nella regione. Il foro si può vedere anche nel “selfie” nella zona anteriore (ha un leggero colore grigiastro).

marte

Il sistema di frammentazione e raccolta dei campioni di NASA Curiosity lo ha polverizzato per poi deporlo all’interno degli strumenti scientifici del rover. La zona nella quale si trova attualmente è quella di transizione tra una sezione con prevalenza di argilla e una con dei solfati. Si tratta di una zona interessante perché in questa sezione si potrebbero avere risposte sulla desertificazione che ha colpito Marte.

Come scritto sopra, ci sono anche nuove panoramiche. Grazie alla fotocamera Mastcam che ha ripreso una sezione a 40 metri di distanza. Con la tecnica utilizzata è stato anche possibile ricreare un effetto stereoscopico permettendo una maggiore “immersione” dei ricercatori e degli utenti. C’è poi anche un panorama a 360° del Mont Mercou così da potersi sentire “su Marte”.

Seguici sul nostro canale Instagram, tante novità in arrivo!