NewsTecnologia

Il CEO di Rocket Lab critico nei confronti di SpaceX Starlink, ma non solo!

Di Rocket Lab abbiamo scritto in passato, per esempio nel caso del lancio (fallito) del satellite Pics Or It Didn’t Happen. Ora si torna a parlare della società statunitense per via delle parole del suo CEO, che ha fatto dichiarazioni critiche nei confronti delle grandi costellazioni satellitari, come SpaceX Starlink.

Peter Beck, a capo della società californiana, ha puntato il dito contro Starlink (ma più in generale contro le costellazioni satellitari) che rendono complicate le operazioni di lancio. Del resto Rocket Lab si occupa proprio di lanci spaziali ed è quindi fortemente interessata che questa possibilità sia mantenuta e soprattutto non sia resa sempre più complessa (o pericolosa per il proprio business).

Il dirigente ha anche aggiunto che è frustrato dal fatto che quando si parla di questa tematica ci si concentri sui possibili incidenti piuttosto che sulle problematiche che un’orbita affollata comporti in termini di lanci.

Non fermare l’innovazione, ma più responsabilità

Beck ha dichiarato a CNN Business “questo ha un impatto enorme sul lato del lancio. I razzi “devono cercare di farsi strada tra queste costellazioni”. Le problematiche da affrontare sono diverse. Da un lato c’è il rischio di non avere più spazio in orbita per operare in sicurezza.

Dall’altro c’è il rischio di incidenti che potrebbero essere realmente catastrofici (non tanto per le persone a terra quanto per le attività in orbita). Le regolamentazioni sull’argomento ci sono ma non sono aggiornate, il Trattato sullo spazio extra-atmosferico è della fine degli anni ’60, e non aveva considerato le nuove realtà come SpaceX Starlink, come ricordato dal CEO di Rocket Lab.

Costellazioni satellitari e detriti già esistenti sono un problema considerando che entrambi sono destinati a crescere. Secondo Beck, nel 2006 si potevano avere finestre di lancio di 30 minuti nello stesso giorno, ora invece bisogna programmare almeno sei finestre di lancio in date diverse per riuscire a evitare i satelliti.

Nonostante tutto, anche lo stesso Beck non vuole negare i possibili vantaggi di soluzioni come SpaceX Starlink. La preoccupazione riguarda il futuro e di come nuove società si comporteranno su queste tematiche. Ci dovrebbe essere una maggiore responsabilizzazione, secondo il CEO.