Il Canada fornirà energia pulita alla città di New York grazie a un’enorme centrale idroelettrica

Dal 2026 un milione di newyorkesi potrà usufruire di 1.250 megawatt di energia pulita proveniente dal Canada, precisamente dalla Hydro-Québec, il quarto produttore idroelettrico al mondo, e trasmessa via cavo dal Champlain Hudson Power Express (CHPE), una linea ad alta tensione in corrente continua (HVDC) lunga circa 600 km e completamente interrata. Il punto di partenza si trova ad Hertel, nella località di La Prairie, in Canada, e termina ad Astoria, nel Queens, collegandosi alla rete Con Edison, snodandosi attraverso il lago Champlain e il fiume Hudson; il progetto sfrutterà quanto più possibile corsi d’acqua, strade esistenti e passaggi ferroviari, riducendo drasticamente costi e tempistiche di realizzazione. I cavi, inoltre, sono costantemente monitorati e non necessitano di manutenzione ordinaria.

Alt

Recentemente, come riportato da Electrek, il CHPE ha annunciato di aver sottoscritto dei contratti con tre diverse società per supervisionare le principali operazioni di costruzione: la NKT avrà il compito di progettare, produrre ed installare la rete subacquea dei due cavi HVDC da 5 pollici di diametro e 400 kV.

Hitachi Energy progetterà, consegnerà e testerà la tecnologia per la stazione di conversione presso l’Astoria Generating Complex nel Queens. Fornirà inoltre la stazione di conversione HVDC che convertirà l’alimentazione in Correte Continua dal Canada in alimentazione a Corrente Alternata e la renderà disponibile per la rete di New York.

Infine Kiewit, società di costruzioni, guiderà l’attività di costruzione a terra per l’intera rotta HVDC inclusa la stazione di conversione ad Astoria.

Alt

L’impatto di questo progetto è enorme e pari al taglio di 3,9 milioni di tonnellate all’anno di emissioni clima alteranti; per fare un altro esempio, è l’equivalente della rimozione del 44% dei veicoli passeggeri da New York City.

Lo Stato di New York ha inoltre varato un nuovo documento, il Climate Leadership and Community Protection Act (CLCPA) stabilendo che lo stato debba essere alimentato dal 70% di energia rinnovabile entro il 2030.

La direzione presa dagli Stati Uniti verso l’adozione di massa di tecnologie pulite e di fabbricazione statunitense e/o Nord Americana: in questo stesso ambito si è mossa anche Tesla.