NewsTecnologia

I droni potrebbero cambiare il modo di vedere le gare automobilistiche?

Oltreoceano stanno sperimentando nuovi modi di godere dello spettacolo delle gare automobilistiche. Un esperimento multimediale ha coinvolto dei droni in modalità FPV (First Person View) per mostrare alcune immagini di una gara di NASCAR e non una qualsiasi: la Daytona 500. Tutto molto “americano” ma potrebbe fornire spunti interessanti anche per altri sport dove attualmente non vengono già impiegati i droni.

droni fpv gara

I droni per le riprese alla Daytona 500 per il NASCAR

Non è la prima volta che vengono impiegati droni per le coperture aeree permettendo alcuni vantaggi rispetto agli elicotteri. Quest’anno ci hanno pensato i ragazzi di Beverly Hills Aerials che sono esperti in riprese per il settore commerciale, cinematografico e televisivo.

L’idea è quella di fornire un punto di vista più immersivo per l’utente ed è per questo che è stata scelta la modalità FPV. L’approccio è stato duplice utilizzando sia droni compatti che soluzioni decisamente più ingombranti ma che permettono una migliore qualità delle riprese.

In quest’ultimo caso è stata impiegata una piattaforma personalizzata in grado di trasportare una videocamera Sony HDC-P50 con un’ottica Canon 20X5. Essendo più pesante, ingombrante e lento questo modello è stato impiegato per le riprese dall’alto.

Invece i droni FPV hanno permesso di realizzare video come se l’utente stesse volando veramente molto vicino alle automobili durante la gara, il tutto in sicurezza (considerando che queste soluzioni sono più leggere e un impatto sarebbe relativamente pericoloso). Nonostante tutto, i droni non si avvicinano mai alle automobili durante la competizione mentre si possono ottenere immagini ravvicinate durante i festeggiamenti della vittoria.

Secondo quanto riportato da Beverly Hills Aerials, questi modelli possono arrivare a velocità fino a 137 km/h e per brevi spunti toccare anche i 160 km/h. Il tutto poi è ripreso con risoluzione 4K60p permettendo una buona qualità visiva. Kevin Callahan (VP di Fox Sports) ha dichiarato “mettiamo una videocamera Dream Chip per ottenere la migliore qualità d’immagine possibile”. Grazie a questa scelta è stato possibile mantenere un’immagine simile tra le varie videocamere (fisse e mobili) senza che lo spettatore potesse notare “un salto di qualità”.

Seguici sul nostro canale Instagram, tante novità in arrivo!