NewsTecnologia

HP presenta le workstation portatili ZBook G8 con CPU Intel Tiger Lake e GPU NVIDIA Ampere

HP ha rinnovato la sua gamma di workstation portatili con le nuove HP ZBook Studio G8, ZBook Fury G8 ZBook Power G8, tutte dotate di processori Intel Core di 11esima generazione con architettura Tiger Lake e GPU NVIDIA RTX Ampere.

HP aggiorna le workstation portatili ZBook con CPU Intel Tiger Lake e GPU NVIDIA RTX

Le nuove workstation HP ZBook G8 sono pensate per soddisfare l’esigenza di potenza di calcolo dei professionisti che hanno necessità di lavorare anche lontano dall’ufficio e dalle workstation da desktop. Questa è una necessità che è emersa con particolare forza dall’inizio dell’anno scorso con l’avvento della pandemia e che continuerà a essere presente in futuro, con lo spostamento del lavoro verso modalità che prevedono più tempo speso lontano dagli uffici.

Tutte le nuove workstation integrano la tecnologia Tile, che permette di rintracciarle nel caso in cui vengano perdute o rubate, e sono costruite utilizzando materiali riciclati. Supportano inoltre HP ZCentral Remote Boost, un software che permette di sfruttare la potenza di workstation remote e di collaborare in tempo reale sui progetti.

HP ZBook Studio G8

HP ZBook Studio G8

Le HP ZBook Studio G8 offrono processori fino all’Intel Core i9-11950H vPro di 11a generazione (con un clock di base di 2,6 GHz e una frequenza di boost che arriva a 5 GHz) abbinati a schede grafiche dedicate che si spingono fino alla NVIDIA RTX 3080 e alla NVIDIA RTX A5000, nonché con RAM DDR4 a 3.200 MHz (non ECC) fino a 32 GB e con SSD NVMe fino a 2 TB. Va notato che la RAM non è espandibile ed è saldata alla scheda madre, una scelta poco comprensibile in una workstation portatile.

Queste sono workstation pensate per professionisti che hanno bisogno di potenza grafica, ma anche per permettere di giocare: la particolarità di questa workstation è infatti la presenza di una tastiera con retroilluminazione RGB, elemento sempre più associato con prodotti destinati al gioco.

Lo schermo è certificato PANTONE e copre il 100% del gamut DCI-P3, in più è dotato di frequenza di aggiornamento pari a 120 Hz. Sono poi presenti porte USB-C, Thundrbolt, HDMI, mini DisplayPort e USB 3.0, assieme all’audio che sfrutta la tecnologia HP Sound Calibration. HP afferma che la batteria da 83 Wh garantisce fino a 9,5 ore di autonomia, con un peso complessivo inferiore ai 2 kg. Il sistema operativo può essere scelto tra Window 10 Pro, Windows 10 Home, Ubuntu 20.04 e FreeDOS.

HP ZBook Power G8

HP ZBook Power G8

La ZBook Power G8 offre caratteristiche quasi identiche alla ZBook Studio, ma consente la sostituzione dei banchi di RAM e supporta un massimo di 64 GB di memoria. La GPU è invece limitata alla NVIDIA A2000 come massimo.

Questo è il modello più economico della gamma e HP lo destina a sviluppatori e creativi.

HP ZBook Fury G8

HP ZBook Fury G8

La HP ZBook Fury G8 è la workstation più potente ed espandibile della nuova gamma: pensata per ingegneri, creativi e data scientist, offre processori fino all’Intel Core i9-11950H vPro o allo Xeon W-11955M, entrambi di 11a generazione e dotati di 8 core. HP propone la ZBook Fury G8 come la sua workstation più espandibile, con una capacità massima di 128 GB di RAM DDR4 3.200 MHz (64 GB nel caso di RAM ECC) e di 8 TB di memoria di archiviazione.

La grafica è affidata a GPU che includono la NVIDIA RTX A5000 e la AMD Radeon Pro W6600M. Lo schermo è disponibile sia in formato 15,6 pollici che 17,3 pollici, con certificazione Pantone e con copertura del 100% del gamut DCI-P3.

Completano il quadro una porta Ethernet, due porte USB-A, due porte USB-C con Thunderbolt 4, una HDMI 2.0b e una mini DisplayPort. Sono disponibili diversi sistemi operativi: Windows 10 Pro, Windows 10 Pro for Workstations, Windows 10 Home, Ubuntu 20.04, Red Hat Enterprise Linux 8 e FreeDOS.