NewsTecnologia

Google Maps prevede l’affollamento delle persone nei mezzi pubblici! Ecco tutte le novità

Non è una novità che il trasporto di massa abbia subito un drastico calo all’inizio della pandemia. Oggi le persone stanno tornando ai mezzi di trasporto pubblico, come testimonia il fatto che negli Stati Uniti l’utilizzo delle indicazioni di trasporto pubblico su Maps sono in aumento del 50% rispetto allo scorso anno, ma la sicurezza rimane una priorità. Per questo e per molti altri motivi ecco che Google sta cercando di aiutare tutti gli utenti a spostarsi in sicurezza, estendendo le previsioni sull’affollamento dei mezzi pubblici a oltre 10.000 aziende di trasporto pubblico in 100 paesi. Questo permetterà di capire se una linea che un utente utilizza spesso ha molti posti liberi o è al massimo della capienza. Con queste informazioni, tutti gli utenti potranno decidere se salire a bordo o aspettare la corsa successiva.

Questo tipo di previsioni è reso possibile dalla tecnologia di intelligenza artificiale, dai contributi delle persone che utilizzano Google Maps e dalle tendenze storiche degli spostamenti con cui è possibile prevedere i futuri livelli di affollamento per le linee di trasporto pubblico in tutto il mondo. Tutte queste previsioni sono state progettate pensando alla privacy. Google applica una tecnologia di anonimizzazione di prim’ordine e tecniche di privacy differenziale ai dati della Cronologia delle posizioni per assicurare che i dati degli utenti rimangano al sicuro e privati. 

Google Maps: programmate il tempo consapevolmente 

Dopo aver vissuto una pandemia globale, le persone vogliono trascorrere il proprio tempo in modo più consapevole. La nuova scheda Approfondimenti degli spostamenti, personale e quindi visibile solo al proprietario dell’account, può aiutare a fare proprio questo. Se per caso gli utenti utilizzano un dispositivo Android e hanno scelto di attivare la Cronologia delle posizioni, ecco che in questo caso apparirà una nuova scheda nella cronologia degli spostamenti (per trovarla basta toccare la foto del profilo, quindi la cronologia) che fornisce le tendenze mensili proprio degli spostamenti. Ci saranno i mezzi di trasporto utilizzati e la distanza e il tempo in cui si è guidato, volato, pedalato o camminato. In tutto questo sarà possibile anche osservare quanto tempo viene trascorso in luoghi diversi, dai negozi agli aeroporti ai ristoranti, e visualizzare immediatamente tutti i luoghi che visitati.

Google Maps: i viaggi del passato e quelli del futuro

Interessante anche la scheda Viaggi che Google Maps pone negli Spostamenti e che ora è disponibile su tutti i dispositivi Android. Viaggi nella cronologia permetterà di rivivere momenti di vacanze passate, ad esempio in quali hotel gli utenti hanno soggiornato durante un determinato viaggio memorabile a Tokyo o i ristoranti che hanno visitato durante il weekend. E poi se c’è la necessità di pianificare un viaggio in anticipo? Nessun problema perché è possibile trasformare quei luoghi in un elenco e condividendolo con gli amici che hanno bisogno di consigli di viaggio. 

È possibile anche modificare le informazioni, gestire facilmente i dati, in blocco, in parte o con opzioni di eliminazione automatica, il tutto direttamente dalla funzionalità Spostamenti privata.