NewsTecnologia

Google Assistant, fare nuove richieste senza pronunciare ‘Hey, Google’ è adesso possibile

Finalmente non è più necessario pronunciare la parola d’ordine “Hey, Google” per ogni richiesta effettuata sui prodotti Google Home ma basta farlo solo una volta. Google ha attivato la funzione Conversazione Continua sui primi smart speaker proprietari, tuttavia la novità è ad oggi disponibile solo per gli utenti che usano la lingua inglese, e limitata ad alcune aree geografiche.

Google Home

Attivando la funzione nelle Impostazioni e richiamando l’assistente virtuale non sarà più necessario ripetere “Hey, Google” o “Ok, Google” per lanciare una nuova richiesta allo speaker. Per sfruttare la funzionalità bisogna lanciare una nuova richiesta ad otto secondi dalla precedente, e lo speaker rimarrà attivo per quel lasso di tempo rispondendo senza dover essere nuovamente richiamato. In questo modo è possibile effettuare conversazioni più naturali e meno frustranti.

In precedenza se avessimo dovuto chiedere il meteo odierno e quello del giorno successivo avremmo dovuto lanciare due richieste separate: “Ok, Google. Qual è il meteo oggi?”. E poi, di nuovo: “Ok, Google, e domani?”. Adesso il tutto può essere svolto, solo se attivata la funzione dall’utente, in un’unica conversazione più fluida e naturale: “Ok, Google. Qual è il meteo oggi?”. E poi per la nuova richiesta si può chiedere entro otto secondi, semplicemente: “E domani?”.

Per confermare che lo speaker è in attesa di una nuova richiesta i LED rimarranno accesi, indicando che i microfoni sono ancora attivi. La Conversazione Continua, lo precisiamo, non include anche il supporto delle azioni multiple per una singola richiesta, con cui l’utente potrà richiedere più informazioni con una sola interazione, aspettandosi una risposta concatenata per ciascuna. È comunque un passo avanti per rendere l’Assistente più “umano”.

Segnaliamo infine che la novità è stata attivata solamente sui prodotti Google Home, e non è disponibile sui terminali Android. In più al momento in cui scriviamo non è disponibile nella lingua italiana, ma solo in quella inglese.