Gli USA offrono 10 milioni di dollari di ricompensa per catturare il gruppo ransomware Conti

Il Dipartimento di Stato USA ha deciso di offrire una ricompensa fino a 10 milioni di dollari per tutti coloro i quali possano essere in grado di condividere informazioni capaci di portare all’identificazione o alla localizzazione di qualsiasi persona che ricopra una posizione di controllo e comando nel gruppo criminale che opera il ransomware Conti.

Oltre alla ricompensa di 10 milioni di dollari, il Dipartimento prevede anche una ricompensa fino a 5 milioni per la condivisione di informazioni che conducano all’arresto e/o alla condanna di qualsiasi individuo di qualsiasi Paese del mondo che possa aver partecipato o tentato di partecipare ad un attacco informatico tramite il ransomware Conti.

Il gruppo Conti è uno dei più attivi nella scena criminale informatica: l’FBI ha stimato che a gennaio 2022 vi siano state oltre 1000 vittime di attacchi e incidenti di sicurezza associati a Conti, con un complessivo di 150 milioni di dollari di riscatti pagati ai criminali, rendendo Conti il ransomware responsabile del maggior numero di perdite economiche. 

Lo scorso mese il gruppo Conti ha condotto un attacco ransomware contro il governo del Costa Rica che ha avuto pesanti ricadute sul commercio estero del Paese a seguito dell’interruzione di operatività delle piattaforme doganali e fiscali.

Le ricompense offerte per l’identificazione, localizzazione, arresto e incriminazione di qualsiasi individuo possa essere legato al gruppo Conti rientrano all’interno del Transnational Organized Crime Reward Program gestito dal Dipartimento di Stato e in coordinamento con le forze dell’ordine federali e che dalla sua nascita, nel 1986, ad oggi ha già pagato oltre 135 milioni di dollari di ricompense.