NewsTecnologia

Forte domanda di tablet nel 2020, ma non durerà a lungo

Una nuova conferma dell’andamento in crescita del mercato dei tablet registrato nel corso del 2020 proviene dalla più recente analisi IDC, che certifica per il quarto trimestre 2020 un aumento del 19,5% nel numero di dispositivi venduti toccando quota 52,2 milioni di pezzi. Si tratta di un risultato che non è mai stato raggiunto negli ultimi anni, superando i 49,9 milioni del Q4 2017.

La categoria dei tablet detachable, quella con tastiera che può essere fisicamente collegata e scollegata allo schermo, ha registrato una crescita del 27,9% nel corso del periodo grazie alla domanda di dispositivi adatti anche alla produttività personale proveniente dai consumatori. In alcuni casi la scarsità di notebook in commercio ha spinto i consumatori a optare per tablet detachables, considerati valide alternative in termini di produttività.

matepad104_720.jpg

Su base annuale il 2020 si è chiuso con una crescita media del mercato del 13,6%, in controtendenza rispetto ai dati negativi degli ultimi anni. Apple si conferma primo produttore, capace di vendere 19 milioni di soluzioni iPad nel corso del quarto trimestre 2020 con una quota di mercato del 36,5%. La segue Samsung con il 19,4%, Lenovo con il 10,7%, Amazon con poco meno del 7% e Huawei con il 6,3%. Tutti i produttori hanno registrato incrementi delle vendite tranne Huawei, che paga l’assenza dei servizi Google dai propri dispositivi più recenti.

Osservando i dati annuali Apple conferma il proprio ruolo di leader del mercato con il 32,5%, una quota che è però in calo rispetto al 34,6% del 2019. Samsung cresce molto nel corso dell’anno, poco meno del 45% rispetto al 2019, con una quota finale del 19,1%. Huawei mantiene la terza posizione con il 9,8%, riuscendo a registrare un incremento dei volumi rispetto al 2019 per quanto non al punto da pareggiare la media di mercato.

lenovo-tab-p11-pro_720.jpg

Lenovo si posiziona al quarto posto con una quota di mercato dell’8,6% e una crescita annuale molto sostenuta, pari al 66,4%, mentre Amazon chiude la top 5 con l’8,5% e una crescita media nel 2020 del 7,5% che è inferiore a quella di mercato, venendo superata proprio da Lenovo al quarto posto.

Forte crescita di questa categoria di prodotti nel 2020, quindi, grazie alla domanda proveniente da lavoratori e studenti costretti a casa dalla pandemia globale. Proprio questa dinamica giustifica le previsioni future, che sono di una contrazione della categoria alla luce della forte pressione competitiva generata da notebook e smartphone.