Donald Trump è tornato su YouTube, via le restrizioni. Il tycoon grida ‘I’m Back’

Dopo Twitter e i social di Meta, anche YouTube ha ripristinato l’account di Donald Trump, sospeso da oltre due anni dopo che l’ex Presidente USA fu ritenuto responsabile di incitamento alla violenza, concretizzatasi dopo l’esito avverso del voto nell’assalto dei suoi sostenitori a Capitol Hill il 6 gennaio 2021.

A partire da oggi, il canale Donald J. Trump non è più limitato e può tornare a caricare nuovi contenuti. Abbiamo valutato attentamente il rischio di violenza nel mondo reale, bilanciando al contempo la possibilità per gli elettori di ascoltare equamente i principali candidati nazionali nel periodo che precede le elezioni. Questo canale continuerà a essere soggetto alle nostre norme, proprio come qualsiasi altro canale su YouTube“, si legge in un tweet.

La decisione significa che gli account di Trump sulle tre principali piattaforme social da cui è stato sospeso o limitato sono ora ripristinati, in tempo per la sua discesa in campo per la campagna elettorale del 2024.

Nel 2021, l’allora CEO di YouTube Susan Wojcicki disse che le restrizioni di Trump sarebbero state revocate quando avesse ritenuto che il rischio di atti violenti nel mondo reale fosse diminuito. L’account del tycoon non è mai stato chiuso, ma gli è stato impedito di caricare nuovi video.

Il canale conta 2,68 milioni di iscritti circa e nelle scorse ore è stato pubblicato un video intitolato “I’m Back” relativo alla sua vittoria nel 2016. Lo stesso video è stato pubblicato su Facebook. Vedremo cosa farà il tycoon d’ora in avanti, se tornerà in pianta stabile sulle piattaforme social “mainstream” o continuerà a usare Truth Social, con cui ha siglato un accordo di esclusiva per i post “non politici”: i suoi post devono apparire prima su Truth Social e solo dopo 6 ore possono approdare su altre piattaforme. L’intesa, stando a Business Insider, potrebbe non essere rinnovata quando scadrà a giugno.