NewsTecnologia

CPU AMD Ryzen: online alcune specifiche della seconda generazione

La scorsa settimana, in occasione del CES di Las Vegas, AMD ha fornito informazioni sulla propria roadmap dei processori della famiglia Ryzen attesi nel corso del 2018. Per il mese di aprile sono attese al debutto le prime CPU Ryzen desktop di seconda generazione, identificate con la serie numerica 2000 così da distinguerle da quelle attualmente in commercio.

Non sappiamo ancora quali siano le specifiche tecniche delle varie versioni di processore Ryzen di seconda generazione che AMD renderà disponibili dalla primavera, ma alcune informazioni di un engineering sample di questo processore lasciano immaginare un interessante aumento nelle frequenze di clock rispetto alle CPU ora in commercio.

Le infomazioni, provenienti dal database del benchmark SiSoft Sandra, evidenziano una frequenza di base clock di 3,4GHz per una CPU a 6 core che dovrebbe corrispondere al modello Ryzen 5 2600: si tratta di un incremento di 200 MHz rispetto alle specifiche della CPU Ryzen 5 1600. Medesimo aumento della frequenza di clock è quello atteso per il dato Turbo: anche in questo caso + 200 MHz. Non sappiamo se queste frequenze di clock saranno quelle finali per la CPU Ryzen 5 2600 o se l’engineering sample misurato operi ad una frequenza inferiore: un incremento medio di 200 MHz è quello che sulla carta ci si può attendere come media da queste CPU

Le CPU AMD Ryzen di seconda generazione implementeranno marginali modifiche architetturali rispetto alle proposte Ryzen di prima generazione. La principale novità riguarda l’adozione di tecnologia produttiva a 12 nanometri, un passo in avanti che è responsabile dell’aumento della frequenza di clock a parità di consumo dichiarato. E’ per questo motivo che i 200 MHz di incremento di clock paiono essere una plausibile indicazione dell’incremento medio della frequenza di clock

Le future CPU Ryzen desktop continueranno ad adottare socket AM4 per il collegamento con la scheda madre, mantenendo compatibilità con le piattaforme sul mercato richiedendo unicamente un aggiornamento dei bios. I produttori di schede madri non mancheranno di presentare nuove proposte assieme alle CPU Ryzen di seconda generazione, così da sfruttare al meglio l’opportunità commerciale data dalle nuove CPU.