NewsTecnologia

Core X di nona generazione, Intel si prepara a mandarli in pensione

Intel ha annunciato il prossimo pensionamento delle CPU Core X di nona generazione, insieme alle rispettive varianti Xeon W. L’azienda ha pubblicato un documento in cui illustra tutti i passaggi che accompagneranno le CPU Skylake-X Refresh a uscire di scena dal mercato nel giro di un anno.

I clienti di Intel potranno fare ordini fino al 22 gennaio 2021, con l’ultima consegna evasa non oltre il 9 luglio. Core i9-9980XE e tutti gli altri prodotti della serie lasceranno quindi spazio ai processori Core X di decima generazione, noti con il nome in codice Cascade Lake-X.

Quest’ultimi sono praticamente stati messi alle corde dall’offerta Ryzen Threadripper 3000 di AMD, capace di offrire molti più core e prestazioni superiori a prezzi più abbordabili, malgrado Intel abbia comunque migliorato la sua proposta. Attualmente i Core X di decima generazione sono anche poco disponibili, segno che Intel sta privilegiando la produzione di altre CPU più richieste rispetto a tali proposte.

Resta da capire cosa farà Intel in futuro con i processori per workstation: al momento latitano informazioni sul successore di Cascade Lake-X e senza dubbio è necessario un importante cambio di passo per competere con le proposte Ryzen Threadripper 4000. Stando a una slide trapelata nelle scorse settimane, Intel potrebbe prendersi tempo fino al 2021, saltando così l’anno in corso, prima di tornare a offrire dei Core X.