NewsTecnologia

Chrome OS e le app per Linux: supporto non per tutti i Chromebook

Chrome OS si prepara da tempo a fornire il supporto alle applicazioni Linux, ma tale supporto potrebbe non arrivare su tutti i dispositivi in commercio. Google avrebbe infatti deciso di supportare la funzionalità solo su quei dispositivi che sono dotati di kernel Linux 3.15 o successivo, tagliando fuori tutti i dispositivi dotati di kernel precedente.

La ragione dietro questa scelta sarebbe eminentemente tecnica: per far funzionare le applicazioni Linux è necessario utilizzare dei container tramite funzionalità come vsock, disponibile però soltanto sui kernel dal 4.8 in poi. Google ha quindi effettuato un backport della funzionalità ai vecchi kernel utilizzati sui vari dispositivi, ma ha ritenuto troppo vecchi i kernel precedenti al 3.15.

La maggior parte dei dispositivi con Chrome OS, così come quelli con Android, nasce e muore con lo stesso kernel installato, senza che ci siano cambiamenti di grande portata. Solitamente vengono installate solamente patch di sicurezza o per correggere problemi di varia natura, ma è raro che ci sia il passaggio a una versione più nuova.

I modelli che non sarebbero quindi compatibili con le applicazioni per Linux su Chrome OS sono i seguenti:

  • AOpen Chromebase Mini (Feb 2017; tiger, veyron_pinky)
  • AOpen Chromebox Mini (Feb 2017; fievel, veyron_pinky)
  • ASUS Chromebook C201 (Mag 2015; speedy, veyron_pinky)
  • Acer C670 Chromebook 11 (Feb 2015; paine, auron)
  • Acer Chromebase 24 (Apr 2016; buddy, auron)
  • Acer Chromebook 15 (Apr 2015; yuna, auron)
  • Acer Chromebox CXI2 (Mag 2015; rikku, jecht)
  • Asus Chromebit CS10 (Nov 2015; mickey, veyron_pinky)
  • Asus Chromebook Flip C100PA (Lug 2015; minnie, veyron_pinky)
  • Asus Chromebox CN62 (Ago 2015; guado, jecht)
  • Lenovo ThinkCentre Chromebook (Mag 2015; tidus, jecht)
  • Toshiba Chromebook 2 (Set 2015; gandof, auron)

Sono ancora oggetto di discussione il Chromebook Pixel del 2015 e il Dell Chromebook 13 7310, per i quali Google prenderà una decisione nel corso delle prossime settimane, come riporta Android Police.