NewsTecnologia

Cambiano i nomi delle schede Radeon: da serie 500 a 600

Il termine rebrand, nel settore dei componenti hardware, viene utilizzato per indicare una operazione con la quale viene dato un nome nuovo ad una famiglia di prodotti senza che subentrino modifiche tecniche. Di fatto quindi il prodotto è lo stesso, con un nome che lo rende più appetibile.

Come questo avvenga è semplice: è spesso sufficiente fornire una indicazione numerica superiore ad indicare il nuovo modello così che venga percepito come più recente, e/o più potente, rispetto all’identico modello già in commercio.

Questa pratica è ben nota ai produttori di schede video, che in passato l’hanno implementata in diverse occasioni e modalità. La più recente è quella di AMD che ha introdotto le schede Radeon RX 600 basate sulle specifiche tecniche dei modelli Radeon RX 500.

Questa operazione di rebrand vede coinvolte solo schede video di fascia entry level, indirizzate non tanto al mercato retail delle schede video sfuse quanto a quello dei system integrator e dei produttori OEM: una operazione di questo tipo permette di rendere maggiormente appetibili, agli occhi degli utenti meno esperti, i propri sistemi.

GPU Radeon RX 640 Radeon 630 Radeon 625 Radeon 620 Radeon 610
GPU equivalente Radeon 550X Radeon 540X Radeon 535 Radeon 530 Radeon 520
Stream processors 512/640 512 384 384 320
TMUs 40 32 24 24/20 20
ROPs 16 8 8 8 4
Memoria 4GB 4GB 4GB 4GB 4GB
Tipologia memoria GDDR5 GDDR5 GDDR5 DDR3/GDDR5 GDDR5
Bus Memoria 64bit 64bit 64bit 64bit 64bit
Architettura GCN 4.0 GCN 4.0 GCN 4.0 GCN 3.0 GCN 1

Dalla tabella delle specifiche tecniche notiamo come si tratti di GPU di fascia entry level basate su architettura Graphics Core Next di precedente generazione. Il segmento di prezzo di questi prodotti è tale per cui tanto NVIDIA come AMD non sviluppino più nuovi chip ma adattino, anche con un cambio di nome, GPU già da tempo sul mercato.

Le prime due proposte, Radeon RX 640 e Radeon 630, sono proposte tanto per sistemi notebook come per quelli desktop; per le altre 3 schede invece il target è unicamente quello dei sistemi notebook. Vedremo questi modelli debuttare nei sistemi in vendita a partire dalle prossime settimane, in concomitanza con il periodo del cosiddetto back to school.