NewsTecnologia

Apple non ce l’ha con le pere, ha un problema con le foglie

Lo scorso agosto

vi abbiamo parlato
della bizzarra battaglia di Apple contro Prepear, un’app caratterizzata dal logo di una pera che a Cupertino vedevano come troppo simile alla loro storica mela morsicata. Un problema che non sfociò in una reprimenda, ma in un una causa legale con tutti i crismi del caso e le problematiche annesse, tanto che i proprietari dell’app chiesero sostegno su Instagram e parlarono apertamente di bullismo da parte di Apple. Fu persino aperta una
petizione su Change.org
firmata da oltre 270 mila persone per “salvare la pera dalla Mela“.

Ebbene, a circa sei mesi di distanza la disputa si è risolta amichevolmente e, udite udite, non con l’acquisto di un paio di occhiali nuovi al legale di Apple, ma con la piccola azienda che ha dovuto piegarsi al gigante dell’hi-tech, perché non sempre Davide vince contro Golia. Proprio su Change.org si legge: “Prepear è felice di annunciare che ha risolto amichevolmente il problema del marchio con Apple. Abbiamo in programma di apportare una piccola modifica al nostro logo nelle prossime settimane e siamo soddisfatti del modo in cui tutto questo è stato risolto”.

“Contenti loro, contenti tutti” viene da dire, anche se francamente – da ignoranti totali in materiale legale – continuiamo a ritenere l’azione di Apple fuori dalle righe, a maggior ragione se confrontiamo il vecchio logo di Prepear con quello nuovo:

A quanto pare il problema di Apple non era il frutto in sé e per sé, ma la forma della foglia, che a quanto pare a Cupertino ritengono simile a quella che compare sopra la mela morsicata. Insomma, la morale della favola è che non si può disegnare una foglia tondeggiante, altrimenti a Cupertino potrebbero aver da ridire. Noi vi abbiamo avvisati!