NewsTecnologia

Apple Mac Mini con CPU M1 smontato: ecco come è fatto dentro. Zero upgrade in futuro

I nuovi Mac Mini e i MacBook Air e Pro da 13” sono finalmente arrivati sul mercato. Il nuovo chip M1 realizzato da Apple sta facendo parlare molto di sè vista l’incredibile potenza ma soprattutto anche l’efficienza che permette autonomie mai realizzate su questi prodotti portatili. In questo caso non appena nuovi prodotti arrivano sulle scrivanie degli utenti partono subito i teardown ossia lo smontaggio in tutte le parti del device pronti a far capire come effettivamente Apple ha realizzato i suoi nuovi Mac.

Apple Mac Mini: non si potrà aggiornare da soli!

In questo caso si parte subito dal nuovo Mac Mini ossia il Mac per eccellenza perché di piccole dimensioni e soprattutto l’unico che parte al prezzo più basso degli altri. In questo caso il teardown mostra subito alcuni elementi in comune con il Mac Mini del passato 2018. E chiaramente parliamo della sua forma, del suo chassis ma anche di alcune componenti di base che realizzano appunto il corpo principale e il supporto per i componenti interni che chiaramente Apple ha riutilizzato ancora.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
 

A livello hardware però tutto cambia e il nuovo chip M1 (denominato come APL1102) realizzato da Apple risulta completamente saldato alla scheda logica. Ricordiamo che il nuovo SoC della mela morsicata possiede 8-Core suddivise in 4 performance core e 4 efficiency core. Quindi una GPU sempre ad 8 Core ed il Neural Engine che invece è stato realizzato a 16 Core. Questi sono tutti all’interno della stessa componente unica. Oltre a questo è possibile anche osservare la memoria che viene posizionata accanto proprio al processore M1: è saldata e occupa molto meno spazio del solito.

Proprio la memoria risulta in singolo modulo a banda larga e a bassa latenza. Questo permette di avere quel boost in più rispetto a quanto visto finora con i prodotti Apple di vecchia generazione. Oltretutto la stessa memoria permette di avere un ponte diretto tra CPU, GPU e Neural Engine per quella che è risultata la massima efficienza mai vista su di un prodotto Apple.

Come ogni prodotto Apple che si rispetti anche il nuovo Mac Mini con M1 non può essere aggiornato nella memoria. Ecco dunque che in fase di acquisto è bene procedere alla scelta tra 8GB e 16GB di RAM perché in futuro non sarà possibile per nessuno aumentarne il ”dosaggio” da questo punto di vista. Infine per quanto concerne lo storage sappiamo che il Mac Mini viene proposto in 4 diverse versione a partire da 256GB e fino a 2TB: qui anche Apple decide di saldare lo storage SSD e dunque la fase di acquisto sarà determinante anche per lo spazio di archiviazione futuro.

MacBook Air con M1

MacBook Pro 13” con M1

Mac Mini con M1

 

In questa pagina trovate anche tutti i nuovi iPhone 12 e 12 Mini, iPhone 12 Pro e 12 Pro Max