NewsTecnologia

Aorus Gen4 7000s, i nuovi SSD PCI Express 4.0 di Gigabyte ad altissime prestazioni

Gigabyte fu tra le prime nell’estate 2019 a presentare un SSD M.2 compatibile con il PCI Express 4.0, allora supportato solo dalla piattaforma X570 di AMD e dai Ryzen 3000. Caratterizzato da prestazioni sequenziali di 5000 MB/s in lettura e 4400 MB/s in scrittura, l’SSD Aorus ha rappresentato finora una delle proposte più veloci sul mercato.

L’innovazione però non si ferma e i produttori di controller stanno entrando nel pieno della seconda generazione PCI Express 4.0, dando modo ai produttori SSD di realizzare proposte ancora più veloci, con velocità di lettura fino a 7000 MB/s. Ovviamente Gigabyte non poteva che essere della partita: la nuova gamma Aorus Gen4 7000s si basa sul nuovo controller Phison PS5018-E18 a otto canali, affiancato da memoria 3D NAND TLC a 96 layer. Disponibili due capacità, 2 e 1 TB.

A differenza della prima generazione dotata di un voluminoso dissipatore di color rame (in seguito sono arrivate versioni con dissipatori meno ingombranti), la nuova gamma ha un dissipatore passivo di colore nero.

Sottoposti a test reali, i nuovi SSD AORUS Gen4 7000s hanno raggiunto una velocità sequenziali fino a 7 GB/s in lettura e fino a 6,85 GB/s in scrittura, mentre le prestazioni casuali hanno toccato rispettivamente punte di 700.000 e 650.000 IOPS (modello da 2 TB).

Gigabyte assicura una resistenza fino a 700 TBW lungo 5 anni per il modello da 1 TB, con il valore che raddoppia per la versione da 2 TB (0,38 DWPD, drive writes per day). I consumi massimi si attestano rispettivamente a 6,6 e 8,4 watt.

Gigabyte ha inoltre anticipato l’arrivo di una versione particolare dell’SSD, equipaggiata con quello che sembra un doppio dissipatore collegato da heatpipe. Questa soluzione è rivolta a chi mette sotto stress l’SSD per lunghi periodi di tempo, o in quelle configurazioni dove c’è un ricircolo dell’aria limitato (come i sistemi raffreddati totalmente a liquido). L’azienda taiwanese non ha comunicato i prezzi della nuova gamma di SSD, ma di certo non saranno a buon mercato, almeno in principio.