NewsTecnologia

Annunciato il decimo volo di NASA Ingenuity, potrebbe essere tra poche ore

Il drone NASA Ingenuity si sta preparando per il suo decimo volo su Marte, che potrebbe essere effettuato nella giornata di oggi (24 Luglio). Dopo lo storico nono volo, che ha superato molti dei record stabiliti in precedenza, anche questo nuovo test sarà particolarmente complesso.

nasa ingenuity marte

Inizialmente l’elicottero marziano avrebbe dovuto essere “solamente” un dimostratore tecnologico. Essendo un test mai provato prima, gli ingegneri non sapevano neanche se si sarebbe alzato dalla superficie del Pianeta Rosso. Ora però sappiamo che il drone funzione e funziona piuttosto bene. Per questo la sua missione è stata modificata in “operativa” potendo aiutare il rover NASA Perseverance nell’esplorazione di Marte.

La zona che verrà esaminata sarà infatti una di quelle dove potrebbe dirigersi il rover ma quest’ultimo non potrà “volare” dove invece può arrivare Ingenuity. Per questo l’unione tra il punto di vista del drone e gli strumenti scientifici del rover (che il drone non ha) potranno essere utilizzati per un’analisi unica nel suo genere.

Il drone NASA Ingenuity pronto per il decimo volo su Marte

Secondo quanto riportato ufficialmente dal JPL, lo scopo di questo decimo volo sarà quello di esplorare la zona chiamata Raised Ridges, una struttura geologica di Séítah. Rispetto alla posizione attuale, il drone marziano dovrà volare verso Sud per poi fare ritorno verso Nord.

NASA Ingenuity potrebbe, per la prima volta, arrivare fino a 12 metri di quota (solitamente ci si fermava a 10 metri per via della precisione dell’altimetro laser). Dopo il decollo la direzione sarà Sud/Sud-Ovest per circa 50 metri, a quel punto verrà scattata un’immagine a colori con la fotocamera RTE (Return to Earth) per permettere agli scienziati di vedere da vicino delle creste rocciose. A quel punto ci si sposterà verso Ovest seguendo la zona rocciosa di Raised Ridges e catturando una nuova immagine.

nasa ingenuity

La motivazione di far catturare due immagini a colori della stessa zona a breve distanza è dovuta alla possibilità di realizzare fotografie stereoscopiche. Lo stesso accadrà nei punti 4 e 5 del percorso.

Ci si dirigerà poi in direzione Nord/Nord-Ovest per catturare altre immagini stereoscopiche nei punti 6/7 e 8/9. Infine si arriverà nel punto di atterraggio stabilito (che si trova a Nord-Est). Lo spostamento, in linea d’aria, rispetto al punto di decollo sarà solamente di 95 metri verso Ovest ma il percorso sarà più lungo e occorreranno 165″ di volo per compiere la missione.

In questi giorni è stato anche eseguito l’aggiornamento software successivo a quello della fine di Giugno. Quest’ultimo serviva per evitare il problema di volo che si era presentato inizialmente durante i test. L’ultimo invece è servito per correggere il bug che si presentava durante l’acquisizione di immagini a colori (che alzavano il carico della CPU a livelli troppo elevati). Nonostante i problemi, NASA Ingenuity attualmente ha volato per 1,605 km per poco più di 14 minuti.