NewsTecnologia

AMD e IBM siglano accordo per sviluppare il “confidential computing”

AMD e IBM hanno annunciato di aver unito le forze per far avanzare quella che chiamano “elaborazione confidenziale“, o confidential computing in inglese: l’elaborazione di dati sicura e al riparo da sguardi indiscreti sebbene venga eseguita nel cloud pubblico. L’accordo prevede che le due aziende si concentrino su soluzioni aperte che includono software open source, standard aperti e architetture di sistema aperte.

AMD e IBM insieme per il confidential computing

Uno dei problemi che emergono quando si utilizza il cloud pubblico è il mantenimento della riservatezza delle informazioni: come emerso più volte in passato, garantire l’isolamento tra macchine virtuali in esecuzione sullo stesso hardware è particolarmente difficile. Per questo AMD e IBM hanno siglato un accordo di sviluppo condiviso di tecnologie che vada proprio nella direzione di garantire maggiore confidenzialità dei dati sensibili.

Offrire maggiore sicurezza alle organizzazioni che trattano dati sensibili sembra essere uno dei passaggi chiave per ottenere una maggiore diffusione del cloud ibrido, attualmente limitato proprio dalle necessità di riservatezza.

L’obiettivo finale è quello di offrire nel cloud pubblico, e dunque anche in situazioni di cloud ibrido, lo stesso grado di sicurezza delle informazioni che è possibile ottenere nel cloud privato. AMD e IBM stanno già lavorando insieme, ma non è stato anticipato alcun annuncio come parte di questo accordo pluriennale.